A . . .      G . . .      D . . .      G . . .      A . . .      D . . .      U . . .
MASSONERIA UNIVERSALE DI RITO SCOZZESE ANTICO ED ACCETTATO


R. L. ANDREA DORIA
Sovrana all' Oriente di Genova
Libera Muratoria Universale

 

 

FEDERICO  V.  TENTI

 

LE  DUE  ANIME

 

            DELLA  MASSONERIA  

 

 

“ORDO  AB  CHAO”

OPPURE

“CHAOS  AB  ORDINE” ?

 

 


                

 

AVVERTENZA

 

L’ Autore si scusa con tutti coloro che,

                                                           in perfetta buona fede,

  sono convinti che un argomento non sia serio e importante

                          se non viene esposto con stile

     ampolloso, pretenzioso, noioso, pomposo, sentenzioso, penoso,

                           pedante, pesante, stancante e ridondante.

 

Gli argomenti trattati in queste pagine

                                                           sono seri e importantissimi !

 E’ l’Autore che è assolutamente incapace di scrivere

          se non in maniera che tutti (ma proprio tutti)

                                                      possano comprendere.

                E’ più forte di lui. Scusatelo.

 

Egli ritiene inoltre che, trovandoci in piena Civiltà dell’Immagine,

       un testo scritto debba facilitare la lettura veloce

                                                      e l’assimilazione dei concetti

          mediante la disposizione delle parole nelle righe

                                                 e delle frasi nella pagina,

             anche se questo richiede molto tempo e fatica,

                        mentre sarebbe comodo

           lasciare il tedioso compito dell’impaginazione

                        ad uno stupido programma computerizzato.

 

L’Autore si sente incoraggiato in ciò dal fatto che,

 avendo scritto e pubblicato in questo stile dei Trattati universitari,

                     essi abbiano ottenuto un discreto successo

   (traduzioni in inglese, giapponese, cinese,

                                portoghese, greco e persino albanese).

 

  Molto difficilmente  l’importanza dell’impaginazione

                                                            è capita dagli altri Autori,

            troppo tradizionalisti o troppo pigri per combattere

   contro le abitudini perverse degli impaginatori professionali.

 

Solo il computer ci consente di fare a meno di loro.

                         Perché allora restare ancorati al passato ?

 

 

 

 

 

Parte  Prima  

Le due anime  della  Massoneria.  

 

    1.  Per il Bene e il Progresso dell’Umanità                                                       

    2.  Quando è nata l’idea dI Progresso ?                                   

    3.  E prima ?                                                                                

    4.  La prima anima della Massoneria                                          

    5.  La seconda anima della Massoneria                                    

    6.  Tutti abbiamo almeno due anime                                            

    7.  Anima Romantica e Anima Classica                                     

    8.  Due anime non significa sempre conflitto                                  

    9.  Giano bifronte e lo specchietto retrovisore                              

   10. La psichiatria e le due anime contrapposte                              

   11. Le due anime nella storia della Massoneria italiana                 

   12. Quando i Massoni si spararono addosso                              

   13. Cosa ne pensa la Scienza moderna ?                                     

   14. Come nacque il Secondo Principio                                           

   15. Le implicazioni filosofiche del Principio di Carnot                   

   16. Il sesso era sporco ma il cielo era pulito                                    

   17. Gli Americani e i Protocolli di Kioto                                           

   18. Ma ne siamo proprio sicuri ?                                                     

   19. Non potrebbe un giorno diminuire l’ Entropia ?                           

   20. Dura lex, sed lex                                                                                   
 

 

 

1. Per il  Bene  e il  Progresso  dell’ Umanità.

 

A quale scopo ci riuniamo ?”

 

“…per lavorare al Bene e al Progresso dell’ Umanità”

 

Ogni Massone ha sentito ripetere tante volte queste parole,

                  che esse hanno perso per lui ogni significato,

                                                      sia intellettuale che emotivo.

 

Eppure basterebbe chiedersi:

                                    di quale Progresso stiamo parlando ?

                                 Il Progresso morale ?

                                 Il Progresso sociale, intellettuale ?

  O, semplicemente, il Progresso scientifico e tecnologico ?

 

           E il Progresso tecnologico

                 può essere considerato sempre positivo e benefico ?

                                                         Può continuare all’ infinito ?

 

           E, infine, da quanto tempo esiste l’ idea di Progresso ?

 

E’ per rispondere a queste domande

                                     (e ad altre che ne sono scaturite)

                            che, pagina dopo pagina, è nato questo libro.

Partendo da queste domande,

                      siamo arrivati molto, molto lontano.

 

Per fortuna, ogni capitolo non occupa più di due pagine.

 

 Si può benissimo salticchiare qua e là

                 o addirittura cominciare dalla fine.

                                                                    Chi lo proibisce ?

 

 L’ idea di Progresso fa talmente parte

                     dei nostri Paradigmi mentali

                             che ci sembra ovvio che sia sempre esistita.

 

                 E invece no……non è affatto così !

                                                                         

 

 

2. Quando è nata l’ idea di  “Progresso” ?

 

    Correva l’ anno 1750.

           A Parigi si era in pieno periodo illuminista

                          e lì viveva il barone Jacques Turgot,

                                giovanissimo Professore di Storia alla Sorbona.

 

    Turgot era un tipo originale,

                              forse con un pizzico di stravaganza.

                                         Senza dubbio gli piaceva stupire la gente.

 

       Qualche decennio più tardi, esattamente nel 1774,

                                 sarebbe stato chiamato da Luigi XVI

                                             a risanare le Finanze del Regno.

    Sono in uno stato disastroso”  gli disse il Re

             “ma sono sicuro che tu troverai la soluzione giusta.”

 

     Passarono alcune settimane e Turgot tornò dal Re:

         Sire,”  gli disse “credo di avere trovato la soluzione.”

 

         “Bravo Turgot, ne ero sicuro.

                            E quale sarebbe la tua soluzione ?”

 

         “Sire, bisogna che le tasse non le paghino solo i poveri,

                                                                  ma anche i ricchi.”

 

         “I ricchi ? I nobili ? Il clero ? Tu devi essere matto !

                Chi glie le fa pagare le tasse a quelli lì ? Vai, vai Turgot !

                         Ho bell’e capito che le Finanze non fanno per te.”

 

    Nel 1750 era un Turgot giovane e baldanzoso

             quello che iniziò la sua prima lezione di Storia all’Università.

 

    Alla fine della lezione gli studenti erano ammutoliti.

                                Poi scoppiarono in un fragoroso applauso.

     Per la prima volta in vita loro avevano sentito parlare di
                                                                                  Progresso.

 

 

 

Se la Storia dell’ Umanità

             era concepita come un “progressivo” passaggio

   dal peggio al meglio, dal caos all’ ordine ( “Ordo ab chao”),

                                        i cuori potevano aprirsi alla speranza.

 

 

Se il Progresso era qualcosa di fatale,

                                               di inevitabile,

                                               di irreversibile,

           prima o poi non poteva non sorgere il Sol dell’ Avvenire.

 

  Bastava solo aspettare, bastava dar tempo al tempo,

       e i giovani, si sa, pur essendo impazienti,
                                         pensano che questo non sia un problema.

 

 Ecco il perché del loro entusiasmo, incontenibile e contagioso.

 

Così contagioso da divenire, per più di due secoli,

                                     un Paradigma Mentale indiscutibile.

 

Un Paradigma Mentale che non poteva non contagiare,
                                             tra l’altro, anche la Massoneria, che,        

                                                 proprio in quel tempo, 

                                  conosceva un periodo di grande espansione.

 

    

 

3. E  prima ?

 

Prima di quella famosa lezione di Turgot,

            la Storia dell’ Umanità era concepita, invece,

                               come un continuo degrado, un triste declino

               iniziato dal tempo lontano di un mitica “età dell’ oro”.

 

   “Damnosa quid non imminuit dies ?”  aveva scritto Orazio :

           “Che cosa non rovina il funesto passare dei giorni ?”

                        E’ o non è questa la vera Legge Universale?

 

Tutto il Rinascimento era stato caratterizzato,

       in Italia e in Europa,  da una continua ricerca

                    delle “conoscenze perdute” degli antichi.

 

Cosimo dei Medici, il nonno di Lorenzo il Magnifico,

 supplicava Marsilio Ficino  perché si sbrigasse a tradurre

            dal greco in latino il manoscritto del Corpus Ermeticum

      di Ermete Trismegisto, da lui comprato a caro prezzo, in oriente,

                        perché voleva poterlo leggere prima di morire.

 

Scultori e architetti fiorentini

              si aggiravano tra le rovine del Foro Romano

                       misurando statue e colonne

                               per captare il segreto delle loro proporzioni.

 

“Ah, quel Vitruvio !”

      sembra di sentirli mormorare un po’ invidiosi.

         Probabilmente Vitruvio avrebbe detto:

                             ”Io sì, ma i Greci…ah, quel Pitagora !”

E Pitagora probabilmente avrebbe pensato:

                                                         “Io sì, ma gli Egizi…”

E gli Egizi del tempo di Pitagora

        avrebbero guardato con ammirazione

              alla scienza perduta dei costruttori delle Piramidi,

                       e così via.

           Dall’ Ordine si era giunti al Caos, “Chaos ab Ordine”.

 

 

I miti di Atlantide, del Paradiso Perduto, dell’ Età dell’ Oro,

                                                      probabilmente sono nati così.

 

 E forse anche il mito di Salomone

                                                 e del suo famoso architetto Hiram,

                             alle cui misteriose conoscenze

                i Massoni fanno risalire le origini della loro Istituzione.

 

 Ed è probabile che i Cavalieri Templari pensassero proprio

                      alla scienza perduta di Salomone e di Hiram

       quando scavavano sotto le rovine del Tempio di Gerusalemme.

 

E il mito dei Rosacroce ?

                La scienza alchemica non è forse tutto un frugare

                                                    alla ricerca di antichi segreti ?

 

Non solo l’ Alchimia, ma tutto l’ Esoterismo

     si basa sul presupposto che gli Antichi

                   avessero conoscenze molto più profonde delle nostre.

 

 

 

 

   

 

4.  La  prima  anima  della  Massoneria.

 

Le prime logge massoniche di carattere “speculativo”

                                                       e non “operativo”

  sono sorte probabilmente verso la seconda metà del Seicento,

     dopo la fine della disastrosa Guerra dei Trent’ anni

                    che aveva insanguinato l’ Europa dal 1618 al 1648.

 

La gente si era stufata di quegli stupidi massacri

                    in nome di contrapposti ideali religiosi

      e aspirava soprattutto alla pace,

                                     sostenuta dalla reciproca tolleranza.

 

                                      Tolleranza

  sembrava divenuta la parola d’ordine degli intellettuali europei.

   La  “Prima lettera sulla Tolleranza”

                            del  filosofo inglese John Locke  è del 1689. 
           Tolleranza che, ovviamente, doveva stare alla base

                di ogni speculazione filosofica e scientifica.

 

                                                Ma quale Scienza ?

 

La ricerca scientifica come la intendiamo oggi

                                                                  era appena agli albori

       ed era considerata poco più di una pericolosa stravaganza.

 

Galileo era morto solo pochi anni prima (1642),

       e poi quel tipo di scienza non è che promettesse gran che

                                                                      sul piano pratico.

 

Molto più allettante era la speculazione sulle antiche dottrine:

quelle sì che, specialmente l’ alchimia,

        potevano avere risvolti pratici,

             come la fabbricazione dell’oro e dell’elisir di lunga vita.

 

Tutte le presunte e proclamate conoscenze dei Rosacroce

                                                (dall’ invisibilità alla taumaturgia)

                           avrebbero dovuto avere risvolti molto pratici.

 

La primitiva anima della Massoneria

         era dunque un’ anima Esoterica, volta al passato,  

                      origine di ogni saggezza e di ogni Conoscenza.

In confronto ad un mitico passato, il presente di allora

           era un degrado, un caos (“chaos ab ordine”).

 

Ancora oggi i Templi massonici sono pieni di simboli

   che fanno riferimento a quella antica, misteriosa saggezza:

        i dodici segni dello Zodiaco,  piramidi egizie,

        le  colonne del Tempio di Salomone, la menorhà,                              
        la Stella a cinque punte,

        il Triangolo equilatero con l’Occhio divino,  ecc.

 

Ancora oggi ogni Massone viene esortato

                   a ricercare la “Parola perduta”,

                            andata perduta con la morte violenta di Hiram.

 La Massoneria è ben lungi dal rinnegare la sua prima anima.

 

Tra i “profani”,  i non massoni,  sono ancora più numerosi

        coloro che si sentono  piacevolmente solleticati

                 all’ idea di riscoprire “qualcosa” nelle antiche dottrine.

  

Basta osservare gli scaffali

                              che ogni libreria dedica alle Scienze Esoteriche,

   nonché il fiorire di librerie e il pullulare di case editrici
                               specializzate in questo genere di opere.

 

 

 

5. La   seconda   anima   della   Massoneria.

 

       Nel 1717, come ogni Massone sa benissimo,

                 si riunivano, in un pub di Londra,
       quattro Logge massoniche, ovviamente preesistenti,
            e, in un clima festoso, allegro e conviviale,

               tutt’altro che serioso e non privo di britannico humor,

                      davano origine ad una Gran Loggia,      

                            la Gran Loggia Unita d’ Inghilterra, che,

         da quel momento, avrebbe preteso di dettar legge

          e distribuire riconoscimenti a tutte le altre Logge del mondo.

 

        Anche se in Inghilterra non c’ era un Turgot

               che ufficializzava l’ idea di “Progresso”,

                                    l’ Illuminismo vi si respirava già, eccome !

                     Si può dire, anzi, che proprio lì sia nato.

 

        Lo spirito “borghese” è sempre rivolto al futuro.

      Ogni investimento finanziario è sempre destinato

                  a dare i suoi frutti in un avvenire prossimo o lontano.

       Ecco quindi come si è formata

            la seconda anima della  Massoneria, l’anima Illuminista,

             l’anima che in seguito si sarebbe chiamata Progressista.

 

     Illuminismo vuol dire anche Positivismo,

         risveglio della Ragione dal suo sonno secolare,

                      la luce del Sole dell’ Avvenire

                    che sorge ad Oriente,  il Grande Oriente,

                                                 per illuminare il cammino
                                                    verso un Futuro radioso
                                                        e senza più problemi.

 

  

 

 

 Secondo gli Illuministi, tutti i problemi dell’ Umanità   

        sarebbero soltanto figli dell’ ignoranza e della superstizione.

 

Finalmente la Ragione avrebbe messo ordine nel caos.

                   Fine di tutte le brutte storie, anzi fine della Storia.

 

   Galileo e poi Cartesio e poi Newton:

          l’ Universo non era altro che un meccanismo ben preciso,

              scritto in un linguaggio matematico, logico

                                    e quindi privo di qualsiasi contraddizione.

Richiedeva soltanto di essere messo un po’ in ordine :
                                                                 “Ordo ab chao”.       

                                                                                     

 

     Anche la seconda anima della Massoneria

                                         è ben lungi dall’ essere rinnegata,

                           sebbene in netta contraddizione con la prima.

 

           Ma perché poi dovrebbe essere un guaio

                                                        avere due anime contrapposte ?

 

   

 

6. Tutti  abbiamo  almeno  due  anime.

 

 

    La biologia insegna che, di fronte ad un pericolo,

     qualsiasi essere vivente

        può assumere uno o l’ altro

                                   di due atteggiamenti  contrapposti:                   

                                               combattimento  o  fuga.

 

                                           L’ uomo non fa eccezione.

                                  Di fronte a situazioni spiacevoli

può reagire in due modi,

              di cui l’uno esclude,

                 almeno temporaneamente, l’altro.

      “Questo è troppo !

                  Non posso proprio sopportarlo” 

   e si prepara ad affrontarlo, a combattere

Oppure si prepara alla ritirata onorevole:

       “Ma che vada a quel paese ! Perché me la devo prendere?

                                                   Tanto è lo stesso.”  

                                     

 

  Si combatte quando si spera di poter vincere,

        si fugge quando si vede che non si può.

               Cosa c’è di male in tutto questo ?  Proprio niente !

 

  Comincia, invece, ad esserci qualcosa di sbagliato

                se uno fugge sempre spaventato

             o se sempre reagisce attaccando briga.

 

       Guai a chi possiede un’ anima sola, un solo atteggiamento

                                                valido per ogni circostanza.

 

        In fondo è vero proprio il contrario:

    solo i sassi, gli stupidi e i vecchi non cambiano idea.

 

  Il cervello umano è composto di vari strati sovrapposti.

       Gli strati più antichi, più vecchi,

     quelli che abbiamo in comune coi rettili (paleoencefalo),

                                                         sono anche i più rigidi.

        Gli strati più giovani (neoencefalo) sono anche i più plastici.

 

   Più invecchiamo e più fatica facciamo

     a cambiare le nostre idee per adattarle al mondo che cambia.

 

     Chi non è in grado di cambiare idea,

         si può comportare solo in modo ripetitivo, ossessivo.

 

     In fondo, il comportamento ossessivo

         non è che un modo per risparmiare fatica ed energia,
         ma non per questo si può considerare

                        un comportamento intelligente, razionale.

 

      Ed è proprio ciò che ha sempre irritato i giovani

                                        nei confronti dei vecchi.

                               Il cosiddetto “gap generazionale”..

 

     Da quando il mondo ha iniziato a cambiare

                                                    sempre più rapidamente,

i vecchi, per i giovani,  sono considerati

                                                 (forse non a torto)

un po’ stupidi e, nella migliore delle ipotesi,

                                         degni di benevola compassione.

 

 

7.  Anima  Romantica  e  Anima  Classica.

 

  Appena un cucciolo di animale riesce a reggersi sulle zampe,

        sente il bisogno, la curiosità. di spingersi fuori dalla tana,

                                 per vedere cosa c’è al di là dei propri confini,

                                 per conoscere il mondo esterno.

 

   E’ ciò che nell’ uomo sta alla base di ogni Romanticismo :

                     “Dort, dort, wo  ich  nicht  bin, dort  ist  mein  Land”

              Laggiù, laggiù, ovunque io non sono, quello è il mio paese.

 

  Ed è anche ciò che sta alla base

                                                      di ogni istinto Rivoluzionario.

 

     E’ solo il desiderio di qualcosa di nuovo che spinge il giovane          

          Fabrizio del Dongo a raggiungere Napoleone a Waterloo.

 

     E, come lui, è solo il desiderio del nuovo
           che spinge tanti giovani borghesi verso la rivoluzione.

 

   Quando però il cucciolo animale si sente in pericolo,

                                 prova il bisogno, altrettanto prepotente,

          di tornare nella sicurezza protettiva della propria tana.

 

   E’ ciò che prova anche l’ uomo quando,

                                           dopo vagabondaggi più o meno lunghi,

        sente il bisogno di tornare tra la propria gente,

            alla propria casa, alle proprie abitudini, alle proprie radici.

 

   Ed è ciò che sta alla base di ogni manifestazione

                       che potremmo chiamare di Classicismo, di sicurezza.

 

 L’ Arte Romantica è quella che va alla ricerca di novità,

                  di arditezze che  possono sconfinare nella stravaganza.

 

L’ Arte Classica preferisce poggiarsi su basi sicure,

                                                                             certe e collaudate.

 

  Anima Romantica e Anima Classica si alternano

           non solo durante interi periodi storici,

           non solo durante la vita di ogni uomo

                                                    ( gioventù – maturità),

                                     ma anche secondo periodi più brevi.

 

          “Ho voglia di vedere facce nuove, di conoscere gente !”

 

                e poco dopo: “La mia casa, in fondo, è la mia casa”.

 

       Non c’è proprio niente di strano, niente di “patologico”

                                          in questo alternarsi di sentimenti opposti.

 

 

8. Due  Anime  non  significa  sempre  conflitto.

 

Ilya Prigogine ha preso il Nobel per la chimica nel 1977.

      Egli ha studiato a fondo, da chimico,

                    la differenza tra esseri viventi e non viventi.

        La sua conclusione è stata che gli esseri viventi sono

                                         strutture in “non equilibrio”.

   Quando raggiungono

         uno stato di perfetto equilibrio con l’ ambiente circostante,

              non sono più esseri viventi: sono semplicemente morti !

 

    Per continuare a vivere,

         devono assorbire energia dall’ ambiente

         sotto forma di cibo (combustibile)

                     e ossigeno (comburente).

Bruciando il cibo, sviluppano energia e calore.

 Il calore deve essere in qualche modo “dissipato” nell’ambiente.

 

Ecco perché la seconda definizione degli esseri viventi,

             secondo Prigogine, è quella di “strutture dissipative”.

 

   Ogni essere vivente può venire paragonato

                                                       ad una trottola che gira.

 

Per girare ha bisogno di energia.

              Quando non è più in grado di assorbire energia,

                                                                    cade, ovvero muore.

        Ecco che allora

                    ha finalmente raggiunto uno stato di equilibrio stabile.

 

   Fin che vive, fin che gira,

                      è invece in uno stato di “non equilibrio”

                             che sarebbe meglio chiamare

           di “equilibrio instabile, dinamico, omeostatico, oscillante”.

 

   Cosa significa questo ?

          Significa proprio che ogni essere vivente

                 deve avere almeno due anime,

                     due tendenze che gli permettano di mantenersi

                 in questo stato di equilibrio instabile, oscillante.

 

     Quando una delle due anime prevale,

                                             l’individuo cade e muore.

 

     Quando le oscillazioni sono troppo ampie,

                             l’individuo si trova in pericolo di vita.

 

           Per vivere, e vivere bene,

                                      le sue due anime devono coesistere

                            ed essere ben bilanciate tra loro.

 

 

 

9.  Giano  Bifronte e  lo  specchietto  retrovisore.

 

Il dio romano Giano è raffigurato con un doppio volto,

                              di cui uno guarda avanti e l’ altro indietro.

  Tra i compiti del dio Giano

                       c’ era anche quello di “guardiano della soglia”.

 

Ogni volta che dovevano iniziare qualche cosa,

            per i Romani era come varcare una porta

           (ianua in latino, da cui ianuarius = gennaio,

                         il mese che dava inizio a un nuovo anno).

 

Tra i loro paradigmi mentali doveva esserci anche questo:

               che ogni volta che si inizia qualche cosa,

                                      che si deve attraversare una porta,

                 è, sì, indispensabile guardare avanti,

      ma è anche prudente sapere cosa ci si lascia alle spalle.

 Andare verso il futuro va benissimo,

   ma senza dimenticare il passato e ciò che ci ha insegnato.

Giano bifronte non è simbolo di ambiguità,

come qualche volta è stato affermato,

                          bensì di prudenza.

 

Oggi ci troveremmo molto a disagio

   se dovessimo guidare un’ auto

            priva di qualsiasi

                     specchietto retrovisore. 

                

lMa ci troveremmo

          ancora più a disagio                    

      se lo specchietto retrovisore

            fosse tanto grande

    da impedirci addirittura

        di guardare la strada

     e vedere gli ostacoli

              che abbiamo davanti

 

Dirigersi verso il futuro senza dimenticare il passato,

     guardare avanti

            gettando, ogni tanto, uno sguardo all’ indietro,

        sembra essere il giusto modo di procedere.

 

Purtroppo la Cultura massonica è, per la maggior parte,

                                                                         rivolta al Passato.

Basta gettare uno sguardo

    ai titoli delle pubblicazioni e degli articoli che la riguardano:
                         la maggior parte sono libri o articoli di storia.

 

 Un Passato glorioso fin che si vuole, ma sempre passato.

 

       Uno specchietto retrovisore tanto grande

                                                 che impedisce di guardare avanti.

 

 

10.  La  psichiatria

 

 

 

di  fronte  a  due  Anime  contrapposte.

 

I guai sopraggiungono nell’ uomo

    proprio quando non c’è più

                  un buon bilanciamento
        tra le sue anime contrapposte,

  quando una prevale nettamente sull’ altra.

 

Qui, sì che subentra la patologia.

 

   E’ qui che il soggetto viene definito,   

       anche nel linguaggio comune,

                            “uno squilibrato”.

                                             

    L’ uomo che ha sempre paura,
       che teme soltanto  di attraversare la strada,

            o di rimanere per pochi secondi in un ascensore,

    è uno che dovrebbe, ovviamente, rivolgersi allo psichiatra

                                                              e, di solito, lo fa.

 

     Anche l’ uomo eccessivamente spericolato dovrebbe farlo,

 ma purtroppo, di solito, proprio perché è spericolato, non lo fa.


          Oltre che mettere in giuoco la propria vita,

    spesso mette in giuoco il proprio benessere e il proprio denaro,

                                                          alla roulette o alle carte.

         La sottovalutazione del pericolo,

                   il cosiddetto “demone del giuoco”

                         è una tipica tendenza coatta,

                             e questa, sì, è una vera e propria malattia.

 

     Non c’è invece nulla di strano

                  se un giorno ci svegliamo un po’ depressi

        (“Oggi non mi sento per niente bene”)

                 e il giorno dopo piuttosto euforici

       (“Che bella giornata ! Oggi mi sento proprio O.K. !”).

 

La patologia subentra anche

   quando la Depressione diventa intensa e duratura,

   quando la “Gioia di Vivere” lascia il posto alla tetra

                                                                     “Noia di Vivere”

     e la Noia di Vivere resta bilanciata soltanto

                                                            dalla Paura di Morire.

 

Quando anche la paura di morire viene meno,

    la Noia di Vivere  può portare ad anomalie del comportamento

               assolutamente incomprensibili per la gente “normale” :

 

         suicidi nelle varie forme (alcool, droga, sfide in auto,

                                         roulette russa, suicidi di massa, ecc.)

 

   ed omicidi  (sassi dal cavalcavia, omicidi gratuiti,

       uccisioni di  famigliari, riti satanici, attentati kamikaze, ecc.).

 

Una ulteriore conferma a questa tesi è il dato,

                                                     apparentemente paradossale,

    del netto calo dei suicidi in tempo di guerra,

                                          quando la paura di morire è tanto alta

                 che prevale nettamente sulla noia di vivere.

 

Anche un semplice eccesso protratto di autostima può portare

                              alla mancanza di autocritica e alla paranoia.

 

Per contro una mancanza protratta di autostima può portare

        all’eccesso di autocritica,

                               alla inattività, alla depressione e alla abulia.

 

 

 

 

          11.  Le  due  Anime

                   nella  storia  della  Massoneria  italiana.   

 

La Massoneria italiana

           è vissuta generalmente abbastanza bene,

              in buon equilibrio dinamico, con le sue due anime,

    l’ anima che guarda indietro      e quella che guarda avanti

          quella rivolta al passato       e quella rivolta al futuro

          quella  tradizionalista           e quella progressista

          quella moderata                   e quella radicale

          quella  esoterica                  e quella pragmatica

          quella più speculativa          e quella più pratica.

 

                      Ogni tanto sembra che prevalga l’ una,

                       ogni tanto sembra che prevalga l’ altra.

 

 E’ forse più logico dire che

         in alcuni massoni prevale l’una e in altri prevale l’ altra.

 

Sarebbe troppo semplicistico identificare queste due anime

      con i concetti di Destra e Sinistra intesi in chiave politica.

 

Tanto più che, come ogni studioso di filosofia sa benissimo,

          dall’ idealismo hegeliano hanno preso origine

                                            sia il marxismo che il fascismo.

 

Se l’ anima pragmatica,  affaristica e maneggiona

                                  ha prevalso nettamente con Licio Gelli,

non si può certo attribuire a quest’ultimo

                                      uno spirito progressista o di sinistra.

 

E’ vero invece che l’ anima speculativa

                                            sembra prendere il sopravvento

     quando l’ anima pratica si immerge talmente nel mondo profano

                    da subirne le inevitabili ripercussioni e vendette,

        come accadde appunto nel caso famoso di Licio Gelli.

 

Dopo qualche decennio, però, tutto si dimentica

                                  e, piano piano, l’anima pratica risorge.

 

Un’ altra volta, ben prima di Gelli, la Massoneria italiana

   si trovò talmente sbilanciata

                               da dover correre urgentemente ai ripari.

 

Fu quando, nel 1864,

   nella scia dell’ entusiasmo suscitato dall’ impresa dei Mille,

            Giuseppe Garibaldi fu eletto Gran Maestro.

 

 I guai che riuscì a combinare furono tali e tanti

 che quasi tutta la Massoneria tirò un sospiro di sollievo

  quando, dopo soli tre mesi, fu convinto a dare le dimissioni
                                           e a tornarsene a Caprera.

 

Basti pensare all’ istituzione di Logge femminili

in un’ epoca in cui una donna che osava iscriversi all’ Università

             si guadagnava, per tutta la vita, il marchio di “puttana”.

 

Basti pensare all’ ingresso nella Massoneria

 di un anarchico ateo e materialista come Michail Bakunin,

                     solo perché si dichiarava nemico dei preti.

 

Come si può constatare,

       leggendo la storia della Massoneria italiana,

                         i contrasti, anche violenti, non mancarono.

 

Soltanto una volta, però, le due anime si scontrarono

                                            in un dolorosissimo conflitto a fuoco.

 

 

12.  Quando i Massoni  si  spararono  addosso.

 

Nella seconda metà dell’ Ottocento

   l’ anima Progressista doveva essere molto forte tra i Massoni.

 

   Progressismo, positivismo, anticlericalismo, socialismo

                                      erano allora sentimenti quasi inscindibili.

 

Le prime Società Operaie di Mutuo Soccorso

                   ebbero origine da Massoni o da Mazziniani,

         da persone comunque accomunate da sentimenti

                                                         filantropici e umanitari.

 

E’ abbastanza ovvio che molte di queste persone

      fossero tra i fondatori del Partito Socialista a Genova nel 1892

             e fossero pure alla testa di quel corteo di operai che,

      sei anni dopo, nel 1898, scesero per la prima volta in piazza

                                                                                a Milano

           per chiedere miglioramenti delle loro condizioni materiali.

 

Si trovarono schierati di fronte

                               i militari del Generale Bava Beccaris.

                                          in gran parte anche loro Massoni.

 

Non sappiamo quali fossero i loro sentimenti.

 Probabilmente non ne avevano, o, se ne avevano,

   da bravi militari erano stati addestrati a non tenerne conto.

 

Era la prima volta che dei soldati si trovavano

    in una simile situazione ed erano del tutto impreparati.

 

 Non avevano tenuta antisommossa, né manganelli,

          né idranti, né scudi di plastica.

                                   Avevano soltanto fucili e cannoni.

 

Per non essere sopraffatti, furono costretti ad usarli.

                                                                      E fu una strage.

 

 

Fu l’ unica volta, nella storia italiana,

                    che dei Massoni spararono ad altri Massoni.

 

Probabilmente molti di quei militari

      erano entrati nella Massoneria

                  solo nella speranza di far carriera

                  e non è detto, dopotutto, che non l’ abbiano fatta.

 

Può darsi, invece, che fossero realmente convinti

 della assoluta necessità di difendere le istituzioni “borghesi” 

      (e massoniche !) contro la violenza piazzaiola.

 

Due anime contrapposte,

           ben bilanciate e complementari va bene, però…

                 “Ordo ab chao”  e  “Chaos ab ordine”

                                              non si escludono a vicenda ?

Cosa ne dice la Scienza Moderna ?

                                               Se ne interessa oppure no ?

              

                              Eccome, se se ne interessa !

 

 

13.  Cosa  ne  pensa  la  Scienza  Moderna ?

 

Oggi la Scienza, grazie ai suoi indubbi successi materiali,

                            si è guadagnata stima e rispetto universali.

                       Non era certo così ai suoi esordi.

 

La scienza moderna era nata, sì, agli inizi del Seicento

                                                                  con Galileo Galilei,

           ma la sua non fu da subito una marcia trionfale.

        Non si chiamava neppure Scienza con tanto di S maiuscola,

                           ma soltanto “ filosofia naturale”.

 

Per alcuni decenni si era limitata a sopravvivere.

                           Non poteva certo promettere risvolti pratici.

 

Questi, sebbene alquanto limitati, arrivarono

    quando il “metodo scientifico” fu applicato allo studio del vuoto.

 

Il vuoto era considerato un concetto eretico perché,

    secondo la malintesa teologia di allora,
           se Dio è dappertutto, il vuoto non può esistere !

 

 Fu per prudenza, e per non fare la fine del suo maestro,

      che Evangelista Torricelli, discepolo di Galileo,

                                                             dopo aver constatato 

  (capovolgendo su una bacinella

                                        un tubo semichiuso pieno di mercurio)

                                                       che il vuoto esiste,

  preferì che a confermarlo fosse un francese, Blaise Pascal.

 

 Fu la scienza del vuoto

          che permise di pompare l’ acqua dalle miniere

                                  e di scavare così gallerie più profonde.

 

Ci si poté addentrare ancora più profondamente

             nelle viscere della terra allorché alla pompa idraulica

                     fu abbinata un’ altra scoperta “scientifica”:

                                                           la macchina a vapore.

 

Questo avvenne però soltanto nella seconda metà del Settecento

e fu ciò che permise all’ Imperatrice d’Austria Maria Teresa 

                                            non solo di sistemare le sue finanze

   ma anche di inondare l’ Europa coi suoi talleri d’ argento,

          argento estratto appunto dalle sue miniere “moderne”,

       tenute asciutte dalle prime pompe idrauliche meccanizzate.

 

Agli inizi dell’ Ottocento la Fisica moderna

                                                aveva ormai dimostrato

                                        le sue capacità pratiche, tecnologiche.     

 

Solo grazie a questo si era potuta guadagnare rispetto

                                                                          e considerazione

                      e aveva perciò iniziato la sua marcia inarrestabile.

 

Fu proprio allora che la nuova tecnologia

                 fece il suo primo grande regalo al pensiero filosofico,

                          con la scoperta del celeberrimo

                                    Secondo principio della Termodinamica,

 

                 principio che oggi si può sintetizzare nella frase

                                                                  “chaos  ab  ordine”.

 

 

 

14.  Come  nacque  il  Secondo  Principio.

 

Tutto avvenne nei primi decenni dell’ Ottocento,

         quando uno dei primi imprenditori, un “Padrone delle ferriere”,

             incaricò l’ allora ignoto ing. Sadi Carnot di calcolare

                                                      la quantità di carbone necessaria

               per far funzionare al meglio le sue macchine a vapore.

 

 

Fu allora che l’ ing. Carnot  si accorse di una cosa

                                                che sul momento lo lasciò stupito:

                       si rese conto che mai e poi mai

       si sarebbe potuto trasformare in forza motrice

                        tutto il calore prodotto dal carbone, dal petrolio

                                  o da qualsiasi altra fonte, rinnovabile o no.

                                                                                  

 Una certa quantità di calore

       “doveva” per forza andare dispersa,

                       dissipata nell’ ambiente circostante.

 Questo era un prezzo che sempre e comunque

                                                          si sarebbe dovuto pagare.

                               Fino a quando ?

 

 Fino a quando tutta l’energia potenziale dell’ Universo

                                         si fosse tutta trasformata in calore.

                   

                              Da quel momento, stop !

 

Se non c’è più energia disponibile,

                           ovvero “degradabile a calore”, tutto si ferma.

 

La “morte calda” dell’ Universo (si fa per  dire…) o,

                                              se si preferisce, il Fuoco eterno.

 

Questo è quello che, in seguito, sarebbe stato chiamato

     il Secondo principio della Termodinamica o, più brevemente,

                                              “Principio di Carnot”.

 

Semplice, no ?

Ma le implicazioni filosofiche

                                           restavano ancora tutte da scoprire.

 

 

 

 

 

           15. Le  implicazioni  filosofiche

                        del  Principio di Carnot.

 

L’ idea di Progresso, e il Paradigma mentale

                  che attorno a questa idea si stava formando,

                           derivavano da quello che

                                 ognuno poteva constatare coi propri occhi,

                                       ovvero il Progresso Tecnologico: 

    le Ferrovie,  le navi a vapore,

                 e poi…e poi…forse un giorno il volo umano.

 

 

 

 

 

Questa trasformazione però richiede energia,

       o meglio il degrado di una certa parte di energia

                                                        con produzione di calore.

        Produzione di calore, ma anche produzione di scorie materiali.

 

           Questo significa ovviamente “chaos ab ordine”.

 

Cosa dice il Principio di Carnot ?  Dice esattamente questo:

            che ogni progresso materiale,

       ogni passaggio dal caos all’ ordine (“Ordo ab Chao”),

                       si paga, si deve sempre pagare

 con un passaggio ancora più grande di energia e di materia

                                dall’ ordine al caos (“Chaos ab Ordine”).

 

In altre parole :

       il progresso tecnologico non può essere eterno.

                Prima o poi si fermerà, si dovrà fermare.

                                      Prima o poi.

 

Sul momento, però,

        nessuno si rese conto di queste importanti implicazioni.

 

Solo a un inguaribile pessimista come il solito Leopardi

                                                         poteva venire in mente

                 di irridere alle “magnifiche sorti e progressive”.  Perché ?

 

 

 

 

 

16.  Il sesso  era  sporco,  ma  il  cielo  era  pulito.

 

Perché, per ben un secolo e mezzo, nessuno si preoccupò

                                     per le conseguenze sconvolgenti

                                             implicite nel Principio di Carnot ?

 

Semplicemente perché tutti erano convinti

      che le materie prime e le fonti di energia

                                          fossero praticamente inesauribili

         e i luoghi dove disperdere scorie e calore

               (terra, cielo e mare) fossero praticamente infiniti.

 

 

 

Erano i tempi beati

               (durati fino a circa la metà del secolo scorso)

  nei quali il sesso era considerato sporco,

                                      ma il cielo, per fortuna, era pulito.

 

E a nessuno, assolutamente a nessuno,

                                                 poteva passare per la testa

         che un giorno il sesso sarebbe stato considerato pulito,

          ma il cielo (ahimè!)

                   sarebbe diventato sempre più sporco ed inquinato,

                                   così come il mare e come la terra.

 

Oggi il mondo occidentale è sommerso dai rifiuti,

        domestici e industriali, e il loro smaltimento

                                       è diventato un problema serissimo.

 

Il loro incenerimento (ultima trovata !) richiede più energia

                                                   di quanta riesca a produrne

    e, se riduce l’ inquinamento della terra,

        aumenta certamente quello dell’ aria. Davvero geniale !

 

 Non parliamo poi delle scorie tossiche e di quelle radioattive.

 

L’ aumento del calore atmosferico fa sciogliere i ghiacciai,

             aumenta la furia degli uragani e delle intemperie,

                                                              fa avanzare i deserti.

 

Eppure….eppure, nonostante questo, c’è ancora tanta gente

             che parla di incoraggiare il progresso materiale,

                            di aumentare la produzione industriale.

Non c’è governante, occidentale o orientale,

                                   che non si ponga come meta

       quella di aumentare la produzione per aumentare il P.I.L.

 

 

E’ preoccupante che questa sia considerata l’ unica strada

                per aumentare il benessere generale e individuale.

Neppure l’ aumento del prezzo del petrolio

              sembra che possa arrestare, o almeno rallentare,

                                                 la corsa all’ aumento del P.I.L.

 

 

17.  Gli  Americani  e  i  Protocolli  di  Kioto.

 

Perché meravigliarsi se gli USA

                       rifiutano di firmare gli accordi di Kioto,

                                volti a frenare l’ inquinamento ambientale ?

 

 Non è che siano i soliti Americani “malvagi”,

                   come ama dipingerli la propaganda di sinistra.

È che loro sono talmente imbevuti dal Paradigma del Progresso,

    da considerare assurdo tutto ciò che potrebbe rallentarlo.

Non dimentichiamo che la loro cultura

                                            era praticamente inesistente

                 prima di Benjamin Franklin e dell’ Illuminismo.

“Ordo ab chao” è quindi la loro parola d’ ordine.

                                  Non ne hanno mai conosciuto un’ altra.

E’ quello che li spinge, spesso di malavoglia,

                           ad intervenire per “mettere ordine” nel mondo.

  E restano attoniti se qualcuno non apprezza il loro sforzo

                             o non condivide il loro concetto di “ordine”;

      restano stupiti per l’ ingratitudine altrui, e sono indignati

   se qualcuno va a cercare delle basse motivazioni materiali

                    dietro a quello che, per loro,

                           è anzitutto un alto principio ideale e morale.

E’ vero che, ovunque vadano,

            fanno fiorire speculazione, corruzione, sopraffazione.

Ma è anche vero che essi considerano tutto questo

    un male transitorio, destinato a scomparire col trionfo del Bene,

                                                    nell’ inevitabile “happy end”.

E il Bene per loro non può derivare che dal libero mercato,

     dalla libera competizione democratica,

     dall’ aumento e dalla diffusione della ricchezza materiale,

   ovvero dal Progresso che inevitabilmente ne consegue e che,

           altrettanto inevitabilmente, dovrebbe portare, secondo loro,

                                            ordine nel caos, “ordo ab chao”.

 

Probabilmente sono tanto impregnati di cultura illuministica

          che a loro non può neppure passare per la testa

  che il Bene assoluto o non esiste, o quasi mai è realizzabile,

e che spesso, anzi, ci si deve accontentare del male minore.

 

 Il loro specchietto retrovisore è forse troppo ristretto

                                           o addirittura inesistente.

 

Non avendo mai conosciuto il mito dell’ età dell’ oro

                                                 e del successivo degrado,

  non hanno motivo per non credere

                                               al mito del Progresso illimitato.

 

 

 

18.  Ma  ne  siamo  proprio  sicuri  ?

Sentire parlar male del Progresso può sembrare assurdo

    anche a molti Europei, oltre che a quasi tutti gli Americani

 e a tutti indistintamente i popoli dei paesi emergenti,

                                                          sia asiatici che africani.

Non c’è il minimo dubbio che,

         prima di condannare il consumismo,

                bisognerebbe aver vissuto abbastanza a lungo

                      in un mondo dove c’è poco o nulla da consumare.

Vivere infatti significa consumare, vuol dire degradare energia.

                      Niente da consumare, vuol dire morire di fame.

E’ quindi  naturale chiedersi

                     se questo Secondo Principio della Termodinamica

                                    sia proprio così ferreo, così ineluttabile.

Purtroppo per convincersene non c’è che da riflettere

sui concetti di Ordine e Disordine, proprio come fece Boltzmann

                                        nella seconda metà dell’ Ottocento.

 

Se noi prendiamo dieci palline bianche e dieci palline nere,

         le mettiamo in una stessa scatola e le agitiamo,

                    in breve le palline risulteranno tutte mescolate.

C’è forse qualche cosa che impedisce alle palline

                    di riprendere la loro posizione iniziale,

                                      bianche da una parte e nere dall’ altra ?

 

  No, non c’è assolutamente niente di tangibile.

                                 E’ soltanto molto, molto, molto improbabile.

         Talmente improbabile che, in pratica, non si verifica mai.

 In altre parole, il Disordine aumenta sempre spontaneamente,

                        l’ Ordine mai.

 

Questo lo sa benissimo qualunque ragazzo che venga invitato

                                  a mettere in ordine la propria camera.

 

Mettere in ordine è, letteralmente e non solo metaforicamente,

                        andare contro natura.

In quanto esseri viventi dobbiamo farlo, certo,
     ma bisogna sapere che occorre un criterio e, soprattutto,
           che costa fatica, ovvero dispendio di energia.

 

     Anche questo è un aspetto, forse l’aspetto principale,
        di ciò che Montale chiama  “Il male di vivere”.

 

Alla misura del Disordine è stato dato il nome di “Entropia”.

 

Le palline bianche e nere sono la rappresentazione,

                                                             semplificata al massimo,

    dell’ infinito numero di molecole che compongono l’ Universo.

 

Anche queste molecole tendono a mescolarsi, ad uniformarsi.

                                           Quelle veloci (calde !)

       tendono a mescolarsi a quelle lente (fredde).

 

Questo è il motivo per cui

                  la minestra bollente si raffredda spontaneamente

                           e il cibo surgelato, tirato fuori dal freezer,

                                                               si riscalda e va a male.

 

        Qualcuno ha mai potuto osservare il contrario ?

 

Per questo è da considerare ineluttabile

     la legge per cui l’Entropia (ovvero la misura del Disordine),  

                                 è destinata ad aumentare sempre.

                                                     Mai a diminuire.

 

 

 

19. Non  potrebbe,  un giorno,

diminuire  l’ Entropia ?

 

Per mettere ordine (“Ordo ab chao”) occorrono due cose:

                                            un codice e dell’ energia.

Anzitutto un “codice”, ovvero un criterio

               ( esempio: palline bianche da una parte

                              e palline nere dall’ altra).

        Senza un codice non può esistere un ordine.

In secondo luogo occorre una dose,

                                               più o meno grande, di energia.

 

E qui interviene il Secondo Principio:

        consumare energia vuol dire produrre calore.

Produrre calore significa doverlo smaltire, doverlo disperdere.

Questo è possibile se c’è qualche zona fredda,

        qualche zona da potere, almeno un poco, “riscaldare”.

 

Ma c’è il vuoto interstellare ! Quel vuoto la cui temperatura

       sembra si avvicini addirittura allo zero assoluto  -273° !

 

Già, ma noi viviamo sulla terra.

         Non sarebbe meglio ragionare

          continuando appunto a “ tenere i piedi per terra” ?

Il guaio è proprio questo:

         che se la temperatura atmosferica si alza

                                     anche solo di qualche grado,

                i ghiacciai si sciolgono, i mari si innalzano

                              e noi, come minimo, ci bagniamo i piedi.


Nel 1945, subito dopo il successo scientifico e tecnologico

                  ottenuto con lo scoppio della prima Bomba Atomica,

        uno dei suoi costruttori,

                                 il premio Nobel per la fisica Enrico Fermi,

         si lasciò andare alla predizione che,

                                       nel giro di 10-20 anni al massimo

                  ci sarebbe stata energia per tutti a bassissimo costo.

Un’ era di benessere senza fine

                                       stava per aprirsi davanti all’ Umanità. 

          Anima candida !

 

Questo è l’esempio più efficace di come,

              anche persone di intelligenza nettamente superiore,

                         possano trascurare fattori importantissimi,

                                     come quello di disperdere il calore,

    oltre che (ora ce ne rendiamo conto !) le scorie radioattive.

   

 

20.  Dura  Lex,  sed  Lex .

 

La soluzione non sembra né semplice, né a portata di mano.

 

 Ridurre il consumo di petrolio e di carbone,

                          queste forme di energia solare

        condensata nel sottosuolo durante migliaia di millenni ?

 

Questo significa solo farle durare un po’ di più. E poi ?

 

Sfruttare direttamente la luce del sole con batterie solari ?

  Avete provato quanto è tenue la luce

    emessa da una lampadina alimentata dall’ energia solare

                 accumulata in una intera giornata di sole estivo ?

 

Sfruttare l’ energia del vento, l’ energia eolica ?

   Avete calcolato quante pale dovrebbero essere fatte girare

                                         solo per illuminare la vostra casa ?

 

Consumare di meno

                    perché ci sia qualcosa da consumare per tutti ?

 Non è certo una soluzione piacevole

                                  per quel 10% di popolazione mondiale

           abituata a consumare il 90% dell’ energia disponibile.

 

   Chi pensa di poterli convincere ?  Con quali argomenti ?

 

No, non è una cosa semplice.

Per mettere ordine da una parte (“Ordo ab chao”),

          è inevitabile aumentare il disordine in qualche altra parte

                                        (“Chaos ab ordine”). Dura lex, sed lex.

 

Senza contare che tutti i mezzi proposti fino ad oggi,

                                riguardano solo quelli per ricavare energia.

                       Sono poco pratici, ma almeno sono razionali.

 

E’ il problema dello smaltimento del calore

                                                            inevitabilmente prodotto,

           quello che finora nessuno si è sentito di affrontare.

 

Prendere coscienza del problema e rifletterci su,

                                                                è già qualcosa,

   almeno per chi afferma di avere a cuore le sorti dell’ Umanità.

 

Rendersi conto che il Progresso tecnologico

         non può continuare all’ infinito, non è cosa tanto da poco.

 

                                                     Tutt’altro.

 

   

 

Parte  Seconda  

 

             L’ Effetto Farfalla e le Leggi del Caos.

 

     21.  Il primo regalo della Tecnologia alla Filosofia                        

     22. Caos e Complessità                                                            

     23. Prevedere l’imprevedibile ?                                                       

    24. Una scoperta inopinata: l’Effetto Farfalla                              

    25. L’ Effetto Farfalla e le Leggi del Caos                                  

    26. Il secondo regalo della Tecnologia alla Filosofia                     

    27. Diversi modi di interpretare la Storia                                      

    28. La Storia è un “sistema caotico”                                           

    29. Quando a Stalin venne in mente di invadere la Finlandia            

    30. Quando le stoffe tedesche erano grigie                                

    31. Quando Mazzini aveva dieci anni                                   

    32. Quando una fuga precipitosa accese l’epoca dei Lumi              

    33. Quando Costantino cercava un “supporto ideologico”               

    34. La Chiesa e la salvezza “fai-da-te”                                            

    35. L’ Effetto Farfalla e la maturazione dei tempi                             

    36. Effetto Farfalla e previsioni                                                     

 

   

21.  Il primo regalo della Tecnologia alla  Filosofia.

 

 

    Il Secondo Principio della Termodinamica rappresenta

     il primo regalo che la Tecnologia

                   (involontariamente e inconsapevolmente)

                                                         ha fatto  alla Filosofia.

 

    Se il Disordine della materia è destinato ad aumentare,

                                giorno dopo giorno, (“Chaos ab Ordine”)

    bisogna ammettere che, ”in principio” questa materia universale

                  fosse meno disordinata di quanto lo sia oggi,

                                       ovvero che avesse un certo ordine:

 di qua la terra, di là le acque,

 di qua le molecole veloci e calde, di là quelle lente e fredde.

 

  Chi avrebbe messo in ordine la materia (“Ordo ab Chao”) ?

 

 I Massoni indicano un Grande Architetto dell’ Universo  (G.A.D.U.).

 

      Questo Grande Architetto, inutile negarlo,

       ha molti punti in comune col Dio delle religioni monoteistiche.

 

La religione cristiana parla di un Dio che

     qualche volta “si rivela”, ma che spesso “si nasconde”,
                                            si nasconde dietro al “caso”.

 

       Si nasconde tanto bene che molti, infatti, non lo vedono.

 

    Molti preferiscono vedere questo “ordine” della materia

         come conseguenza della misteriosa Forza di Gravità,

             scaturita spontaneamente nell’ attimo del Big  Bang.

 

    Secondo altri, invece, la Teoria del Big Bang

               e il Secondo Principio della Termodinamica

                                  sarebbero del tutto incompatibili.

 

     Questo per quanto riguarda la materia non vivente,

                                 ovvero il 99,9999….% dell’ Universo.

 

La cosa si ribalta completamente per quanto riguarda

        la materia vivente, ovvero lo 0,0000….1% dell’ Universo.

 

Per la materia vivente la legge universale è “Ordo ab Chao”.

 

Mettere ordine implica (come abbiamo visto) due cose:
                                      avere un codice (un criterio)

                                   e disporre di energia degradabile.

L’ energia, per un essere vivente,
                            è, ovviamente,  quella fornita dal cibo ingerito

       e il codice…. Il codice è quello racchiuso nel DNA,

 quello che anche la cellula più elementare,

                                            un batterio o un virus, possiede.

 

Chi ha scritto per primo questo codice ?   Il caso?

 

      Il G.A.D.U. (Grande Architetto Dell’Universo)

         che ama spesso nascondersi dietro al caso ?

                                 Qualcuno deve averlo fatto.

 

Secondo Francis Creek, premio Nobel 1962

                      (insieme a Jim Watson e a Tom WIlkins)

                                        proprio per la scoperta del DNA,
  è assolutamente impossibile che esso si sia formato per caso

         nel “breve” periodo  di circa un miliardo di anni

                              dopo la formazione della crosta terrestre.

 

Secondo lui si sarebbe formato nello Spazio

       e portato sulla Terra da qualcosa (una cometa ?)

                                     o da qualcuno.

 

Si tratterebbe solo di spostare il problema

           di qualche miliardo di anni

                 e di ipotizzare qualche extraterrestre.
         Bazzecole ! “Quisquilie e pinzillacchere” direbbe Totò.

 

Come si vede, non sono cosa da poco

                          le implicazioni filosofiche del Secondo Principio.   

 


                                      

22.   Caos  e  Complessità

 

Nella seconda metà del secolo scorso è nato,

          anche se in molti non se ne sono neppure accorti,

           un nuovo capitolo nel pensiero scientifico:

                                  la Scienza del Caos, della Complessità..

 

E’ la scienza che studia i fenomeni caotici,

           la scienza che si sforza di prevedere

                              quei fenomeni imprevedibili,

          come, ad esempio, i fenomeni meteorologici,

           certi fenomeni biologici (epidemie !), borsistici, ecc..

 

Nel linguaggio di questa nuova scienza

                   il termine caos significa dunque imprevedibile.

 

     Sarebbe stato molto meglio se fosse stato inventato

                                                                        un termine nuovo     

   o se, invece di caos, fosse stato adottato, per esempio,

                                                                 il termine “caso”.

Forse sarebbe stato meno ambiguo

   parlare di “fenomeni casuali”  o “apparentemente casuali”         

  anziché di “fenomeni caotici”.

 

Il termine “chaos” ( scritto con la h

                  per indicare la trasposizione di una lettera greca

                                                                  nell’ alfabeto latino)

  era già usato nella traduzione della Bibbia

                                            dall’ebraico in greco.


          Nella Bibbia (tradotta in greco)
                             “chaos” ha il significato di “disordine”

      e con questo significato è stato usato per secoli e secoli,

come nel ben noto aforisma “ordo ab chao” = ordine dal caos,

                                                                ordine dal disordine.

La Scienza,

        che dovrebbe essere basata sulla Logica più rigorosa,

   ha quindi commesso il più ovvio, e grave, errore di logica,

                                       un banalissimo errore di semantica:

      quello di adottare un termine già in uso

                         affibbiandogli un significato del tutto diverso.

          C’ è da diventare scemi. È un vero “chaos” !

 

L’ unico modo per uscirne potrebbe essere quello di scrivere 

                                         “chaos”

         quando deve avere il significato primitivo di disordine,

                                  e “caos” per indicare l’ imprevedibile.

 

Questo, però, vale solo per l’italiano.

     Nelle altre lingue non vale perché ci vuole sempre la h.

 

Per la fortuna di tutti, l’ambiguo termine Caos,
     introdotto da James Yorke nel 1975 e subito diffusosi,
                sta oggi lasciando il posto
                        al meno ambiguo termine Complessità,
                                   e la Scienza del Caos
             sta diventando la Scienza della Complessità.

 

Se usiamo ancora il termine Scienza del Caos,
     non è certo per preferenza linguistica, ma solo per tradizione.

 

 

   

23. Prevedere  l’ imprevedibile ?

 

    Come, e perché, è nata la Scienza del Caos ?

 

    Già da tempo ci si era accorti che la Geometria Euclidea

                  poteva andare bene per compiti abbastanza limitati

                                    come misurare i campi (geo-metria),

          erigere cattedrali, costruire macchinari anche complessi,
                            come quelli usati per andare sulla Luna,

          ma non poteva servire gran che

            per descrivere la maggior parte dei fenomeni naturali,

                                                 come l’andamento di una costa,

                            la forma di una montagna o di un cavolfiore.

 

    Chi ha mai visto in natura dei poligoni regolari

         eccetto che nei cristalli di neve e nelle celle di un alveare ?

 

    “Una nuvola non è una sfera, una montagna non è un cono !”

       così soleva dire Mandelbrot, il creatore della Teoria dei Frattali.

 

    Anche il cambiamento di forma di una nuvola

                                                   o del fumo di una sigaretta

                non potevano essere descritti geometricamente.

 

    Ma in fondo a chi potevano interessare queste cose?

 

    A nessuno, infatti, prima che si diffondessero i viaggi aerei,

               ovvero dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.

 

    Quando la gente cominciò a volare regolarmente,

             cominciò a chiedersi sempre più ansiosamente

         che tempo avrebbe incontrato in volo e, per conseguenza,

                   la richiesta di previsioni meteorologiche precise

                                                       si fece sempre più pressante.

 

    Ecco perché fu proprio un meteorologo, Edward Lorentz,
              colui che, negli anni ’50 – ’60 del secolo scorso,
                              cominciò a studiare quei fenomeni

          fino allora considerati “caotici”, ovvero imprevedibili,

                                                                come la forma delle nuvole

                                           e l’andamento del fumo delle sigarette.

 

I meteorologi si chiedevano  se per caso quel “caos”

            non obbedisse anch’esso a delle leggi matematiche, 

                  sia pure estremamente complesse,

                                          ma che, una volta conosciute, 

                 avrebbero permesso di fare previsioni attendibili.

 

Per fare previsioni meteorologiche più precise possibile,

     furono creati degli algoritmi,

                                           ovvero delle formule matematiche,

            comprendenti un gran numero di valori rilevabili,

                    come temperatura e pressione atmosferica,

                                      umidità, velocità del vento, ecc.

 

 Valori da rilevare in diversi punti della terra,

                                  più o meno lontani, più o meno numerosi, 

   ma da rilevare sempre con la maggiore precisione possibile.

 

Si pensava allora, ingenuamente,

          che fosse soltanto questione di precisione

                                                   e di trovare l’ algoritmo giusto.

 


 

24.  Una scoperta inopinata:  l’Effetto  Farfalla.

 

Negli anni ’60, il giovane meteorologo americano,

                                                                           Edward Lorenz,

        cercava di simulare le condizioni meteorologiche

               introducendo un modello matematico

                                                        in uno dei primi computer.

 

 Ben presto si trovò di fronte ad un problema imprevisto:

             dopo un po’ di giri, il gigantesco computer si inceppava.

                              Cosa era successo?

 

       I numeri decimali si erano allungati smisuratamente

                   e i computer dell’epoca non potevano né contenerli,

                                né sapevano arrotondare le ultime cifre.

 

 Come autore dell’algoritmo, decise allora

                      di sacrificare una piccola parte di precisione,

                           eliminando gli ultimi decimali dai dati di input.

 

 Le unità di misura erano già così piccole e precise

                   che un centesimo della velocità del vento,

                                                      espressa in metri al secondo,

       corrispondeva al battito d’ala di un uccello (o di una farfalla)

                            che avesse volato nei pressi dell’anemometro;

                   non poteva certo portare ad una grande differenza !

 

Per un po’ di tempo, infatti, non apparve alcuna differenza

           nel disegno degli ammassi nuvolosi

                          che il computer andava creando e disegnando,

                                                                                            allorché,  improvvisamente,

        si manifestò una variazione rispetto al disegno precedente. 

 

Una variazione minima che però andava sempre più crescendo

  fino a creare l’immagine di un tornado che prima non esisteva.

Fu così che, nel 1963,

          su una autorevolissima rivista di meteorologia

   apparve un articolo che però non ebbe alcuna risonanza.

 

Gli scienziati non leggono riviste di meteorologia
   e i meteorologi diffidavano, allora, di chi usava il computer.

 

La risonanza vi fu, grandissima, quando, nel 1979,

         Edward Lorenz, invitato a tenere una conferenza
       ad una assemblea di matematici, fisici e scienziati,

          le diede un titolo apparentemente paradossale :

          “Può il battito d’ali di una farfalla in Brasile

                        scatenare un uragano nel Texas ?”

 

La risposta affermativa era matematicamente

                                            e inoppugnabilmente dimostrata,

           anche se l’ autore vi era giunto sedici anni prima,

                del tutto casualmente e con suo grande stupore.

 

   

 

25. L’ Effetto  Farfalla  e  le  Leggi del Caos.

 

La scoperta dell’ Effetto Farfalla

    è un ottimo esempio di ciò che, nella Filosofia della Scienza,

               viene oggi chiamata “Serendipity”,

                   ovvero la capacità di approfittare di incontri casuali

                                                                  con fenomeni inusuali.

 

Se i computer di allora fossero stati come quelli di oggi, 

              forse non sarebbe stata fatta

                           questa scoperta importantissima:

           che i sistemi cosiddetti “caotici”

                                seguono solo in parte

                                            la Seconda Legge della Dinamica,

            secondo la quale gli effetti di una Forza

                 sono direttamente proporzionali alla sua Intensità.

 

La  Seconda Legge della Dinamica, in fondo,

        non fa che descrivere una osservazione banale:

           se un uomo da solo non ce la fa a spostare un oggetto,

                            chiama in aiuto un altro e in due ce la fanno.

       Raddoppiando la forza, si raddoppiano gli effetti.

(Non confondere, per favore, la Dinamica con la Termodinamica !)

 

Nei sistemi caotici, invece,

             cause minime,

                 come il battito d’ala di un uccello o di una farfalla, 

         possono portare a conseguenze grandiose e imprevedibili

                    come un tornado a distanza di migliaia di chilometri

 

Da quella osservazione casualmente fatta,

      ma accuratamente, ripetutamente controllata

                   e correttamente interpretata da Edward Lorenz,  

 nacque quello che fu chiamato e divenne poi noto nel mondo

                                                          come “Effetto Farfalla”.

 

Si vide in seguito che tra i sistemi caotici rientravano

               tutti quelli che hanno almeno tre variabili non lineari,

     e si scoprì pure, con un certo stupore,

                che alle stesse conclusioni era arrivato,

                                                             mezzo secolo prima,

             un matematico francese, Henri Poincaré,       

                                                      sebbene nessuno allora

                                    ne avesse afferrato l’enorme importanza.

 

E’ cosa ben nota che l’organismo umano possiede

                                                              ben più di tre variabili.

 

     Ecco dunque che l’Effetto Farfalla può spiegare

           tutta una serie di fenomeni che per decenni,

                                                          qualche volta per secoli,

                             hanno lasciato perplessi i medici:

 

   Come è possibile che una causa così minima

                                      possa provocare effetti così devastanti?

    

  Come è possibile che una dose di farmaco così infinitesimale

                                     possa curare una malattia anche grave?

 

 Come si può spiegare l’ assurdo,

                                          ma innegabile, “effetto placebo” ?

 

    A queste domande, e a molte altre ,

          si può oggi rispondere tenendo presente l’ Effetto Farfalla.

 

 

 

26. Il secondo  regalo                                                                        

                            della Tecnologia alla Filosofia.

 

      Si è spesso udito affermare che l’universo di Newton ,

                      macchina perfetta e assolutamente prevedibile, 

                        ha subito i primi scossoni all’inizio del secolo XX

                                   a causa di due grandi fisici :

                          Albert  Einstein  (e la sua teoria della Relatività)

                       e Max Plank  (e la sua teoria dei Quanti).

 

 È però anche vero che queste due teorie

                       riguardano rispettivamente

                            l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo.

          Non hanno quindi inciso un gran che nella vita quotidiana

                                                                       di ciascuno di noi.

 

       Ben più importanti, invece, sono state, e saranno ancora,

                    le conseguenze della scoperta dell’Effetto Farfalla.

 

     È a causa dell’ Effetto Farfalla che l’Universo di Newton

                      ha perso molta della sua prevedibilità

                                 anche su scala umana.

 

     Già i meteorologi danno per scontato che

                              anche le più precise delle loro previsioni

                                 non possono andare oltre i quattro giorni.

 

    Anche la Medicina Ufficiale

              comincia a ridimensionare molte delle sue presunzioni.

        “Dottore, non mi sento bene…”

               “Tutti i suoi esami sono perfetti, lei è sanissimo !!

          “Dottore, ma io sto male…

                “Non so che dirle...Prenda queste pillole e se ne vada, vada…”.

 

    È certamente difficile valutare l’effetto placebo,

                                              sia del farmaco omeopatico,

                                                   sia di quello convenzionale.

 

   Non è impossibile che l’altrimenti inspiegabile effetto placebo

          non sia altro che una manifestazione dell’effetto farfalla.

 

E l’effetto delle preghiere ?

Il titolare della Cattedra di Etnomedicina dell’Università di Genova

 ha fatto una statistica sulla diffusione di certe pratiche mediche

                                                      presso tutti i popoli della terra:

               al primo posto in assoluto è risultata la preghiera.

        Ovviamente potrebbe trattarsi solo di superstizione. Però…

               Se i risultati positivi fossero confermati,

                      l’effetto farfalla potrebbe offrire una spiegazione.

 

Secondo Polkinghorne, già professore di Fisica matematica

        all’Università di Cambridge,  divenuto poi pastore anglicano,

                    il mondo, per essere affidabile,

                               deve obbedire a certe leggi fisiche.

 

 Ma se queste leggi sono tropo rigide,

         ecco che il mondo diviene assolutamente predeterminato,

                                 inesorabile proprio come un orologio.

 

Per concedere al mondo un minimo di libertà e di indipendenza,

   è necessaria una

               “interazione fruttuosa del caso e della necessità.”

 

Se l’ Effetto Farfalla

         ha già cominciato a modificare certe pretese,

                   sia della meteorologia che della medicina,

 ancor più profonda potrebbe dimostrarsi la sua influenza

                                      sull’ interpretazione della Storia Umana.

 

Capire il significato della Storia significa andare avanti

                      non dimenticando di gettare uno sguardo

                                                        allo specchietto retrovisore.

 

Ecco perché si può affermare, a ragione, che l’ Effetto Farfalla

    costituisce il secondo grande regalo della Tecnologia

alla comprensione globale del mondo, ovvero alla Filosofia

 

 

27. Diversi modi di interpretare la Storia.

 

C’ è chi vede nella Storia degli avvenimenti umani

                                     lo svolgersi di un disegno divino

  Anche se noi non lo capiamo, questo disegno c’è, ci deve essere.

   Anche se gli avvenimenti ci sembrano casuali, non lo sono mai.

      Siamo noi troppo piccoli per comprenderne il senso nascosto.

    Anche il Comunismo, con tutti i suoi orrori, è stato,

               per Giovanni Paolo II,  soltanto un male necessario.

         Chi siamo noi per pretendere di capire i disegni di Dio ?

 

      Può anche darsi che sia così,

        che esista un disegno cosmico complessivo i cui dettagli, però, 

          vengono lasciati alle contingenze della Storia,

            ovvero alla casualità, ma diretti pur sempre al Bene finale.

Certo non possono esistere argomenti per contraddire

                                                     questo modo di pensare.

 

           A molti può certamente far piacere pensarla così.

      Non sappiamo se ha fatto piacere anche ai milioni di persone

           morte di stenti nei gulag di Stalin o nei lager di Hitler.

      Forse, in mancanza di meglio, qualcuno si è sentito consolato.

 

C’è però anche chi rifiuta l’idea di un Dio-Provvidenza,

                 di un Dio che si occupa troppo da vicino

                                                              degli avvenimenti umani,

                 di un Dio un po’ troppo simile agli Dei omerici.

                 di un Dio che fa la Storia.

Tra questi ci sono coloro che divinizzano la Storia,

                                                                    i cosiddetti storicisti.

     “La Storia non si fa con i se e con i ma”.

              Gli avvenimenti sono quello che sono

               e lo storico deve limitarsi a descriverli, non a giudicarli.

 Agli avvenimenti storici non possono essere applicate

                                             le categorie del Bene e del Male.

               “La Storia è l’ Assoluto”.

                   

               Questo è ciò che significa divinizzare la Storia.

 

Se la Storia è al di là del Bene e del Male,

     non dovrebbe stupire troppo se tra i maggiori storicisti italiani

               troviamo un liberale (Benedetto Croce),

                              un fascista (Giovanni Gentile)

                           e un comunista (Antonio Gramsci).

Non c’è il minimo dubbio che questo modo di pensare

     sia piaciuto moltissimo, soprattutto agli intellettuali di sinistra.

 

Sinceramente convinti che il Comunismo,  

                                     prima o poi, dovesse trionfare,

       non ritenevano avesse senso giudicare i metodi di Stalin

         o applicare le usuali categorie morali a tutti gli altri crimini,

            da chiunque commessi, per contribuire a questo successo.

 

 Naturalmente, col crollo del Comunismo

                                            è crollata anche la loro filosofia.

       Per questo si sentono così infastiditi se qualcuno glie la ricorda.

 

Altre persone ancora preferiscono lasciare da parte (così credono!)

        la filosofia, restare coi piedi sulla terra e vedere nella Storia

                 la manifestazione di fenomeni macroeconomici,

                          descrivibili con statistiche ed equazioni .

 

  E’ abbastanza naturale che queste persone

                           si sentano leggermente superiori a tutti gli altri:

        solo loro sono in grado di capire come, dietro ai fatti storici,

                                      ci siano fattori più o meno occulti,

     come il prezzo del petrolio o gli interessi delle multinazionali.

 

 Naturalmente non è che questi fattori non esistano,

                                              sarebbe stupido negarlo. 

                           È che,  probabilmente, sono solo co-fattori.

  Anche questo è, comunque, un modo di pensare

                                                   abbastanza tranquillizzante:

             se è difficile determinare la Storia,

                              la si può, almeno entro certi limiti, prevedere.

        Naturalmente bisogna avere le giuste cognizioni

                                                        e la capacità di interpretarle.

Solo in pochi sono in grado di farlo, ma a qualcuno piace    

                            (ovviamente) pensare di essere tra quei pochi.  

 

 

28.  La  Storia  è  un  “sistema  caotico”.

 

 Non sono molti coloro che, invece, accettano di vedere,

                                                      nei grandi avvenimenti storici,

        l’intervento determinante di piccoli fatti casuali:

                      “cadde l’Impero perché fu perduta la battaglia,

         e la battaglia fu perduta perché il cavallo del messaggero

                                                          aveva perso un ferro”.

 

Eppure, qualcuno dei grandi protagonisti della Storia,

                           direttamente o indirettamente, lo ha ammesso.

 

“Messieurs, soignez les détails ! Ils ne sont pas sans gloire.”

             sembra ripetesse spesso Napoleone ai suoi ufficiali:

    “Signori, non trascurate i dettagli ! C’è gloria anche in quelli.”

 

E Lenin, smentendo Marx e tutti gli storicisti di matrice hegeliana,

                                                      scrisse una volta che

 “il successo di una Rivoluzione può dipendere

       dall’ aver preparato in tempo un semplice timbro di gomma”

                   E lui era uno che di rivoluzioni se ne intendeva.

 

Non ci risulta che, prima di oggi,

                                  sia venuto in mente a qualcuno

di paragonare la Storia dell’Umanità ad un “sistema caotico”,

            assoggettabile quindi alle cosiddette “Leggi del Caos”,

                             leggi nelle quali domina l’ “Effetto Farfalla”.

 

Eppure, se un sistema caotico

                   è quello con più di tre variabili non lineari,

    è evidente che nella Storia entrano in giuoco

                                                            ben più di tre variabili !

 

Forse questa trascuratezza dipende dal fatto che le “Leggi del Caos”

          sono una scoperta relativamente recente della fisica

     e uno storico di professione non è certo tenuto a conoscerle.

 

  Può dipendere anche dal fatto

                      che a molti può dare un senso di forte disagio

   ammettere di essere in balia di piccoli avvenimenti casuali,

                     ovvero dell’ imprevedibile, del Caos appunto.

 

La Filosofia della Storia è molto soggettiva e serve soprattutto

   a giustificare il piacere che dal suo studio ciascuno ne ricava.

 

       Per qualcun altro, infatti, può essere interessante,

                                                      e anche divertente,

         andare alla ricerca di quei piccoli avvenimenti casuali,

                            a volte soltanto piccole idee geniali,

         che possono avere determinato

                                       le grandi svolte della Storia Umana.

 

E’ ben noto che Napoleone avrebbe potuto vincere a Waterloo

      se, quella mattina, non si fosse svegliato

                                            con un forte attacco di emorroidi.

 

 A causa di quello, non se la sentì di montare a cavallo

                                        prima di aver fatto un semicupio.

 

  Questo stupidissimo fatto ritardò di un’ora l’inizio della battaglia

     e diede modo a Bluecher di accorrere, coi suoi Prussiani,

                                                               in aiuto a Wellington,

     quando questi, verso sera, stava già per essere sconfitto.

 

Quelli che seguono sono solo alcuni altri esempi, forse meno noti.  


      29. Quando a Stalin venne in mente

                           di invadere la Finlandia.

 

All’ inizio dell’ inverno 1939-40 venne a Stalin

                                               l’ idea di impossessarsi della Finlandia.

 Naturalmente i Finlandesi non erano per niente d’ accordo,

                                    ma questo a Stalin non importava un granché.

 

Anche i Polacchi, due mesi prima, non si erano mostrati contenti

                       di venire spartiti tra Tedeschi e Russi,

            ma la loro resistenza non era durata che quattro settimane.

    Quella finlandese, pensava Stalin,

             sarebbe durata solo pochi giorni.   Invece non fu così.

 

I Finlandesi affidarono la propria difesa

         al vecchio maresciallo Mannerheim,

                                          eroe della Prima Guerra Mondiale,

                     e questi ebbe un’ idea semplice, ma geniale.

 

I pochi soldati finlandesi non potevano certo

                                  affrontare direttamente l’ Armata Rossa,

 ma avrebbero potuto sfiancarla con rapide incursioni di sorpresa,

              purché fossero riusciti a rendersi invisibili, o quasi.

 

E qui entrò in giuoco l’idea di Mannerheim :  si trattava

   semplicemente di fare indossare agli incursori delle tute bianche,

                                           per renderli meno visibili sulla neve.

 

Oggi questo fa sorridere perché è l’ uovo di Colombo,

     ma fino allora nessuno ci aveva ancora pensato. E funzionò.

 

Funzionò così bene che i Finlandesi,

                                 con grande stupore del mondo intero,

    riuscirono a resistere ai Russi per tutto l’ inverno e in primavera

            furono ben contenti di firmare un armistizio onorevole

che permetteva a Stalin di salvare la faccia con l’ acquisizione

                        di una sola provincia finlandese, la Karelia.

 

Tutto questo fece sorgere nella mente di Hitler

                                                          un pensiero diabolico :
      
se pochi Finlandesi erano riusciti

                       a tener testa tutto un inverno all’ Armata Rossa,

            figuriamoci se questa non si sarebbe squagliata

   di fronte ad un esercito potente e ben armato come quello tedesco.

                        Sarebbe stata solo una questione di qualche mese.

 

Fu così che, un anno dopo, nel 1941,

  Hitler fece l’ errore più incredibile, madornale, ingiustificabile

                                                                e altrimenti inspiegabile,

       quello che gli sarebbe costato la vittoria e la vita;

              un errore così stupido che, da principio,

                     lo steso Stalin non volle crederci : attaccò la Russia.

 

Chi glie lo faceva fare

  di aprire un secondo fronte con la Russia,

     dopo che nel 1939 era riuscito a farsene un alleato

                            col tanto criticato Patto Ribbentrop – Molotov ?

 

Naturalmente i Russi resistettero ben più di qualche mese,

   anche perché avevano fatto tesoro dell’ idea dei Finlandesi

        e avevano ricoperto con tute bianche le divise dei loro soldati.

 

    Fu così che una piccola idea,  semplicissima ma geniale,

           determinò, forse più di tante battaglie,

                                 l’esito della Seconda Guerra Mondiale.

 

 

 

 

30.  Quando  le  stoffe  tedesche  erano  grigie.

 

Verso la metà del XIX secolo, i fabbricanti tedeschi di tessuti

    non riuscivano a battere la concorrenza degli Inglesi

                                                        sui mercati internazionali:

       le loro stoffe non sfoggiavano quei bei colori che

                                                                 Inglesi e Scozzesi

      per lunga tradizione riuscivano a dare ai loro tessuti

                         e di cui conservavano gelosamente i segreti.

 

Qualcuno ebbe l’ idea di finanziare alcuni studiosi

         di una scienza abbastanza nuova e, fino a quel momento,

                                                     poco utile : la chimica.

 

Nacque così la Farbenindustrie,

              l’industria tedesca dei coloranti,

                           che, nel giro di qualche decennio,

                                     doveva diventare il colosso ben noto.

 

L’ Effetto Farfalla ebbe origine invece il giorno in cui

        un geniale istologo tedesco ebbe l’ idea

                             di utilizzare i nuovi coloranti sintetici

                                per colorare le fettine di tessuti animali

          prima di guardarli al microscopio:  fu una rivelazione !

 

Le cellule, pallidissime e morte, quasi invisibili,

                                                        ridivennero quasi vive;

   alcune preferivano assorbire colori acidi, altre quelli basici             

                    e, conoscendo il tipo di colore assorbito,

    si poteva risalire ai caratteri che le cellule avevano “da vive”.

 

 Un Nuovo Mondo, il mondo dell’ infinitamente piccolo,

si apriva all’ occhio, avido di sapere, dei ricercatori e dei medici.

 

Cominciava così, grazie all’industria dei coloranti,

 la marcia trionfale della Scienza Medica tedesca, che,

      in pochi anni, avrebbe dato al mondo

                           l’Istologia Patologica (con Rudolf Virchow),

                                     a Microbiologia (con Robert Koch)

                               e la Chemioterapia (con Paul Ehrlich).

 

I progressi sono stati talmente grandiosi, rapidi e incontestabili

   (basti pensare alla drastica riduzione della mortalità infantile !)

        che nessuno, agli inizi,

                        avrebbe potuto immaginarne i risvolti negativi.

 

Purtroppo, con la ricerca del “sempre più piccolo”,

     cominciava anche l’ era del riduzionismo,

  il sorgere delle specializzazioni e delle subspecializzazioni,

                           il sapere sempre di più su sempre di meno.

 

In soli 150 anni, quella piccola idea ha avuto

    ripercussioni immense e neppure lontanamente immaginabili.

 

E’ a causa sua se oggi un paziente

        è costretto a passare da uno specialista ad un altro,

                 finché, stanco,  si rivolge ad un agopuntore,

                      ad un medico omeopatico o ad un kinesiologo.

 

Si spiega appunto così il risorgere e il rifiorire

          delle Medicine alternative, non accademiche

                                               (agopuntura, omeopatia, ecc.),

    quelle medicine che non avevano mai abbandonato

                la visione olistica, unitaria dell’ organismo umano.

 

Ci si era forse dimenticati, nel generale entusiasmo, che

                                                             Riduzionismo e Olismo

       sono due modi diversi di guardare la stessa realtà,

             due modi diversi ma indissolubilmente legati tra loro.

 

 L’ eccesso di uno non può che portare alla ricerca dell’ altro.  

 

 

 

31. Quando Mazzini aveva dieci anni

 

 

Sebbene su Giuseppe Mazzini siano stati scritti centinaia

         di volumi, molte cose di Lui restano ancora da capire.

 

I suoi ritratti ce ne mostrano un volto benevolo, bonario,

                                  mite e pensoso, e il suo pensiero

        è così universalistico e tollerante che la Massoneria italiana,

            anche in assoluta mancanza di documentazione storica,

                   cerca in tutti i modi di appropriarsi della sua figura.

 

Come è possibile che un uomo così mite abbia potuto nutrire

               un odio tanto feroce e inestinguibile contro Casa Savoia ?

 

Come capire un attaccamento tanto intransigente

                                                      verso l’Idea Repubblicana

     da impedirgli ogni compromesso, anche quando i suoi amici,

         compreso Garibaldi, avevano accettato il fatto compiuto

                           che l’unità d’Italia, allora importantissima,

         era ormai avvenuta sotto l’egida del Re di Sardegna ?

 

Come capire che il suo odio lo potesse portare

     ad organizzare attentati violenti, tanto da essere temuto

                     come l’Osama Bin Laden dei suoi tempi ?

 

Non è possibile capirlo infatti, se non si tiene conto che

      Mazzini era nato a Genova e se non si ricorda

               quello che era avvenuto a Genova quando Mazzini

                             era un bambinello di appena dieci anni.

 

Nel 1814, quando Mazzini aveva 9 anni,

                        si era aperto il Congresso di Vienna.

  Tra Principi, Re e Imperatori, vi partecipavano,

                                                           non troppo ben visti,

                         soltanto due stati a regime repubblicano:

                la Repubblica di Genova e la Repubblica di S. Marino.

 

Quando si chiuse l’anno successivo,

               Mazzini di anni ne aveva compiuto dieci,

                    e di Repubbliche ne era rimasta una sola:

                        la Repubblica di S. Marino.

 

Cosa era successo ? Semplicemente questo:

                 la Repubblica di Genova era stata cancellata,

                   spazzata via, regalata ai suoi nemici secolari, i Savoia.

 

Per secoli i Savoia avevano cercato uno sbocco al mare,

 per secoli avevano combattuto con tutte le armi,

                                           diplomatiche e non, contro Genova.

 

Per secoli la Repubblica di Genova aveva resistito,

             grazie anche all’ appoggio del suo potente vicino

                                                   e protettore: la Francia.

 

Al Congresso di Vienna la Francia, dopo il casino che

            aveva combinato, doveva pensare soprattutto a sé stessa.

 

La sparizione della Repubblica di Genova faceva comodo

                    a troppa gente: quasi tutti gli stati o i loro regnanti

                        erano indebitati fino al collo coi banchieri Genovesi.

 

Prima o poi doveva capitare anche a loro quello che,

                  molti secoli prima, era capitato ai Cavalieri Templari

                           e molte altre volte, nel corso dei secoli, agli Ebrei.

 

Per di più i Rothshield, ansiosi di potersi sostituire

                                     ai Genovesi come Banchieri dei Re,

 premevano affinché questi ultimi si liberassero,

                   in un modo o nell’altro, dei loro debiti pregressi.

 

Tutto queste ragioni di “real politik”  non servivano certo

                                            a consolare i Genovesi furibondi.

 

Purtroppo, non ci fu nulla da fare.

                         Il loro Ambasciatore al Congresso di Vienna

           fu messo davanti al fatto compiuto:

                               poteva forse dichiarar guerra a tutta  l‘Europa ?

   Naturalmente si rifiutò di firmare il Trattato di Pace,

                         il che, altrettanto ovviamente, non servì a nulla.

   

    I genitori di Mazzini vengono dipinti come rivoluzionari.

           Da loro, e specialmente da sua madre,

               il giovane Mazzini avrebbe assorbito il suo spirito ribelle.

 

      Nulla di più falso. Erano semplicemente dei Genovesi

        e come tali la pensavano e reagivano a quella che

                                 tutti i Genovesi consideravano, ed era,

                                              una mostruosa ingiustizia.

 

    Un’altra cosa orribile, su cui i libri di Storia pudicamente

                         sorvolano, doveva capitare a Genova nel 1849.

 

     Dopo la vergognosa sconfitta

     subita da Carlo Alberto di Savoia a Novara ad opera di Radezky,

          due città vollero approfittarne per tornare

                            alla loro antica indipendenza : Venezia e Genova.

 

     Tutti i nostri libri di storia parlano della rivolta di Venezia,

                                                            capeggiata da Daniele Manin.

             A lui molte città hanno dedicato vie o piazze.

      I “cattivi” Austriaci, anche a costo di impiegarvi  diversi mesi,
                                             decisero di prendere la città per fame.

 

     Questo diede origine ad una epopea romantica che,

                  giustamente, viene ricordata nei libri di scuola :
                                              ” Venezia, l’ultima ora è venuta.

                                                       Illustre martire, tu sei perduta.

                                              Il morbo infuria, il pan ci manca,

                                                 sul ponte sventola bandiera bianca“.

 

     Ben altra sorte capitò a Genova.

          Uno dei primi atti del nuovo Re Vittorio Emanuele II,

                                   appena succeduto a suo padre Carlo Alberto,

            fu quello di scatenare contro Genova in rivolta un corpo

                               di ben 18.000 bersaglieri,

                    truppe scelte agli ordini del Generale La Marmora.

 

     Furiosi per la sconfitta appena subita,

                 furono lasciati liberi di saccheggiare, uccidere e stuprare.

       

 Erano i primi di aprile.

              In soli tre giorni la rivolta fu domata, i suoi capi giustiziati

                              e su tutto fu steso un pietoso velo di oblìo.

 

 Nessun libro di scuola ne fa il minimo cenno.

         Nessuno, anche se quei fatti sono rimasti tanto vivi

                                               nella memoria dei Genovesi

              che per decenni nessun corpo di bersaglieri

                                                        ebbe mai sede a Genova. 

 

    Mazzini allora di anni ne aveva 44,

            ed era occupatissimo a stilare lo Statuto

                                               della effimera Repubblica Romana,
        ma si manteneva in costante contatto epistolare con Genova.

 

     Ovviamente tutto questo non poteva che risvegliare

                                        i suoi ricordi di bambino,

                                       il suo odio e disprezzo per la casa Savoia.

 

Ancora una volta due avvenimenti, sia pure gravissimi,

                               ma casualmente associati, poterono influenzare

                 non certo, in questo caso, l’andamento della Storia,

                     ma certamente il pensiero e la condotta di un Uomo.

 

Solo così si può spiegare il suo ingenuo attaccamento

                                                                        all’Idea Repubblicana,

            ovvero al ricordo, tramandato attraverso i genitori,

                      di una antica Repubblica Genovese che egli

                non aveva mai conosciuto, ma che, proprio per questo

                                        vedeva ammantata di ogni possibile Virtù.

 

 

 

 

          32.   Quando una fuga precipitosa

                                      accese l’ Epoca dei Lumi.

 

   Alla fine del Seicento l’Impero Ottomano

                                                      terrorizzava ancora l’ Europa.

   Nel 1683 un numerosissimo esercito turco

             stava assediando Vienna,  che resisteva eroicamente,   

                   esortata da un frate italiano, Marco d’Aviano.

 

   L’ esercito austriaco non sarebbe mai riuscito a liberare la città,

        se, insperatamente,

                       non fosse giunto in suo aiuto un esercito polacco.

 

   La sorpresa per i Turchi fu tale che fuggirono precipitosamente,

       abbandonando negli accampamenti tutto ciò che avevano,

            armi, donne, vettovaglie e numerosissimi sacchi di caffè.

 

   Il caffè era allora una bevanda esotica,

                            quasi sconosciuta in occidente,

                                             ma divenne ben presto di moda.

 

   Per smaltire tutto quel caffè sorsero a Vienna

                   (e poi dilagarono in Europa) le “Botteghe del Caffè”,

           dove gli uomini si riunivano ad assaggiare i “croissant”

       (nati proprio allora per irridere alla bandiera turca

                             con la loro forma a mezzaluna “crescente”),

                    a sorseggiare il caffè e a chiacchierare.

 

   L’ effetto ben noto della caffeina è quello di eccitare soprattutto

                  la metà sinistra del cervello, quella logica, razionale.

 

   Sotto l’ effetto eccitante, risvegliante e razionalizzante

      della nuova bevanda, era inevitabile che si venisse a discutere

              di “come cambiare il mondo”,

              di come farlo diventare meno caotico, “più razionale”.

 

Se non possono parlare di calcio,
                dopo aver ben bene parlato di donne,

    di cosa altro possono parlare “quattro amici al bar” ?

 

Fu così che nacque il pensiero Illuminista,

     fu di qui che la Massoneria trasse la sua seconda anima,

       quella appunto, Progressista,  riformatrice e rivoluzionaria.

 

Quel pensiero illuminista che, nel giro di un secolo,

                            il mondo lo cambiò, eccome se lo cambiò !

 

 Le rivoluzioni, Americana prima

                     e Francese poi, sono figlie sue.

 

Nate probabilmente entrambe dall’abbandono precipitoso

                                               di alcuni sacchi di caffè.

 

 


 

    33.   Quando  Costantino  andava  alla  ricerca

                                       di  un  “supporto  ideologico”.

 

   L’ imperatore romano Costantino doveva avere

             qualche marcia in più rispetto ai suoi numerosi concorrenti.

 

   Non per nulla riuscì non solo a conquistare il trono imperiale,

              ma anche a mantenerlo per più di trent’anni

                                                      e a morire nel suo letto.

 

   La sua ideuzza geniale, che ebbe enormi ripercussioni

                                  su più di un millennio di Storia europea,

             fu quella di rendersi conto che l’ Impero Romano

                           non poteva reggersi solo sulla forza delle armi:

           gli occorreva anche quello che oggi si chiama

                                                               “supporto ideologico”,

            atto a volgere in suo favore il consenso delle masse.

 

   La vecchia religione greco-romana

                          era ormai oggetto di scherno più che di culto.

   Il suo predecessore Diocleziano

                  aveva ancora preteso di essere considerato un Dio,

        ma aveva comunque dovuto far ricorso alle maniere forti.

 

   Per afferrare e consolidare il suo Impero,

            Costantino si era guardato intorno per vedere quale,

    tra i nuovi culti religiosi che pullulavano, potesse fare al caso suo.

 

   Le sue simpatie personali andavano tutte al culto di Mitra,

        ma un Imperatore, o aspirante tale, non può dare ascolto

                                                      solo alle proprie simpatie.

 

   Tra gli innumerevoli gruppi e gruppuscoli

                                 presenti in tutto il territorio dell’ Impero,

             uno ne spiccava per compattezza ideologica,

                                        per organizzazione centralizzata

                                     e per fanatismo dei suoi membri:

             la Chiesa cristiana che faceva proprio capo a Roma.

 

Grazie ai suoi Sorveglianti (episcopo, o vescovo,

                                          significa appunto “sorvegliante”) 

                                                   teneva in pugno i suoi affiliati.

 

Costantino pensò bene di stringere un patto,

     probabilmente tacito, col capo riconosciuto di tale Chiesa:

 

   “Tu mi appoggi dicendo che ogni Autorità viene da Dio

                    e che chi disobbedisce a me disobbedisce a Dio.

    Io, in cambio,  non solo lascio vivere in pace te e i tuoi cristiani,

     ma neppure dovrai più preoccuparti dei tuoi nemici “eretici”.

                 Basta che  tu me li segnali e poi… me la vedo io.”

 

Il patto funzionò così bene che, salvo piccoli screzi e malintesi,

                        restò in vigore per quasi millecinquecento anni.

Da Costantino in poi, guarda caso,

             la Storia (fino al tardo medioevo, fino ai Catari)

                                                         non parla più di “eretici”,

              eretici che invece pullulavano nei primi tre secoli

                    e che tanto preoccupavano i Padri della Chiesa.

 

Il patto era, sì, per la nostra mentalità, alquanto scellerato,

               ma non si può colpevolizzare il Papa

                                      che lo aveva tacitamente accettato.

 

Le ultime persecuzioni, quelle di Diocleziano,

                     erano state talmente feroci e sanguinose

                                        che non doveva sembrargli vero

       aver trovato un Imperatore tanto ben disposto e tollerante.

 

Se c’è qualcosa da obiettare,

                                     questo riguarda piuttosto i suoi successori.

 

Ma perché la Chiesa di Roma

              se la è sempre presa tanto con gli “eretici”?

 

No, non era per quella mentalità gretta, crudele e malvagia

            che si sarebbe manifestata, purtroppo, nei secoli successivi.

                            Non era così, almeno agli inizi.

 

 

 

34.  La Chiesa  e  la  salvezza  “fai-da-te”

 

  La Chiesa di Roma fu sempre molto diffidente,  per non dire ostile,

         nei confronti di tutti coloro che aspiravano

                    alla conoscenza (“gnosi”) delle cose divine

      senza accettare, in tutto e per tutto, i suoi insegnamenti,

          preferendo invece mettersi in contatto diretto

            col mondo degli spiriti, o addirittura con lo Spirito Santo.

 

  Dietro a questo atteggiamento c’è senza dubbio

   un naturale desiderio di monopolio, ma forse non soltanto questo.

 

  Nei primi secoli le varie chiese cristiane

    dovevano sostenere la vivacissima concorrenza di tutto
un brulicare di chiese gnostiche, alcune addirittura precristiane.

 

   Ora, se qualcuno ha la pazienza di leggere

                                                        ciò che rimane dei loro scritti, 

    non può che rimanere frastornato da tanto contrastanti fantasie:

         Marcione, Basilide, Valentino sono solo alcuni dei nomi

                   giunti fino a noi dei più famosi (allora !) capiscuola.

 

   Di altri gruppi o gruppuscoli è rimasto poco più che il nome.

       Quasi tutti i loro scritti sono impregnati di vecchie,

  confuse teorie di chiara origine Egizia, Greca, Persiana o Ebraica.

 

   Per di più, quasi tutti si basano sul principio che gli uomini,

            pur avendo tutti gli stessi diritti, non sono tutti uguali:
solo ad alcuni possono essere affidati senza pericolo

                                                        gli insegnamenti superiori.

   Cosa si può dire oggi a loro difesa,

                        sia pur cadendo nel tanto esecrato relativismo ?

 

     Soltanto che ciascuno deve essere libero di cercare Dio

        come gli pare, secondo le sue capacità e i suoi limiti,

                     anche a costo di correre (e di far correre !)

                                   rischi e pericoli non indifferenti.

 

    Un discorso simile doveva essere molto difficile

                                da accettare per la mentalità dell’ epoca.

                  Non la pensava certo così la primitiva Chiesa di Roma.

 

Tutti i Padri della Chiesa si sentivano responsabili

            degli altri, dei ”fedeli” e dei non ancora fedeli,

               e si preoccupavano di mettere dei paletti

                   a difesa della loro Fede contro tutte le altre fedi.

 

C’è da meravigliarsi solo di una cosa:

      che non si contraddicessero troppo gli uni con gli altri,

          come avveniva invece tra i vari “maestri” della gnosi !

 

Una cosa ne è derivata sicuramente:
               la condanna netta e inequivocabile

      di chi non la pensava come loro, i cosiddetti “eretici”.

 

Chi voleva pensarla a modo suo, non poteva far parte

         della loro comunità, era automaticamente “scomunicato”.

 

Bisogna capire: non era accettabile che chiunque

      saltasse fuori a dire di essere ispirato direttamente

                 da Dio, dallo Spirito Santo o dall’ Arcangelo Gabriele

 (come fece infatti, nel VII secolo, un beduino, un certo Mohamed,

      proprio nel momento in cui l’Imperatore di Bisanzio

                era occupatissimo a combattere contro i Persiani).

 

 Quando, agli inizi del Settecento,

     apparvero anche in Italia le prime Logge Massoniche,

         che si rifacevano in gran parte a molte idee gnostiche,

  la scomunica del Papa Clemente XII era scontata.

                             Niente di più di un “atto dovuto”.

 

   Né la sua anima Tradizionalista (erede diretta della gnosi),

   né, tanto meno, quella Illuminista, Progressista e Libertaria

                                           potevano essere accettate.

 

Per fortuna dei Massoni, non c’ erano più in Europa dei governi

      pronti a fungere da “braccio secolare” per punire gli eretici.

 

Solo a Roma, sede del potere temporale del Papa,  

                                                               si correvano pericoli.

 

Come si rese conto, ahimè  troppo tardi, il Conte di Cagliostro.

      In fin dei conti, dal rogo di Giordano Bruno

                                         non erano passati nemmeno due secoli.  

 

 

35.  L’ Effetto  farfalla  e  la  maturazione dei tempi.

 

    Il battito d’ ali di una farfalla in Brasile

       non sempre produce un uragano nel Texas o altrove,

                                              anzi, non lo produce quasi mai;

      lo produce solo se avviene in quel luogo preciso

                                               e in quel preciso momento,

          ovvero con tutte quelle precise circostanze ambientali.

 

    Questo è il primo concetto fondamentale.

                  In altre parole, occorre che i tempi siano “maturi”.

 

“Non vi è nulla di più rattristante di una scoperta che,

           al suo primo apparire, resta ignorata

                                     per venire rivalutata più tardi.”

 

    E’ probabile che, secoli prima di Colombo,

        siano approdati in America i Vichinghi di Eric il Rosso

                                  e forse anche i Cavalieri Templari.

 

  Con quali risultati ?    Nessuno.   Perché ?

      Semplicemente perché i tempi non erano ancora maturi.

 

    Quando i tempi sono maturati,

               è stata sufficiente la cocciutaggine di un genovese

                                                        fanatico, testardo, ignorante,

      ma raccomandato nientemeno che da S.M. la Regina Isabella.

 

  I suoi calcoli sulla circonferenza della terra erano talmente sballati,  

     talmente in contraddizione con quelli  (esattissimi !)

                  eseguiti millesettecento anni prima da Eratòstene,

           che i componenti la commissione esaminatrice,

                                   tutti docenti dell’ Università di Salamanca,

                                              si mettevano le mani nei capelli.

                     Non sapevano trovare le parole per dirlo alla Regina.

 

    Tutto inutile. Colombo non solo era raccomandatissimo,

                                          ma aveva anche una fortuna sfacciata

 

 

Per non farlo annegare miseramente nel tentativo, impossibile,

           di raggiungere l’ Oriente andando ad occidente,

  il Padreterno mise sul suo cammino addirittura un continente.  

 

        

  Colombo era tanto testardo e ignorante che,

                pur di non ammettere che i suoi calcoli erano sballati,

                           rifiutò fino alla morte di riconoscerlo come tale.

 

                 Ma ormai i tempi erano maturi.

 

Se non ci fosse incappato lui,

                                sarebbe successo a qualcun altro.

 

        Sic  advenit  gloria  mundi.  Arriva così la gloria mondana.          

 

 

36. Effetto  Farfalla  e  previsioni.

 

  Dopo la scoperta dell’ Effetto Farfalla e delle Leggi del Caos,

                i meteorologi hanno capito che è meglio rinunziare

                                          a fare previsioni a lungo termine.

 

 Qualsiasi avvenimento anche minimo può sopraggiungere e, 

         agendo con Effetto Farfalla, rendere vana ogni previsione.

 

              Lo stesso si può dire per le previsioni storiche.

 

 Questo è il secondo concetto fondamentale da tenere presente,

    se vogliamo divertirci ad applicare l’ Effetto Farfalla alla Storia,

 

      “Se la Storia fosse andata diversamente”
              è il titolo intrigante di un libro uscito recentemente

                                       con prefazione di Sergio Romano

                                            e commenti di Gianfranco De Turris.

 

                 “Saggi di Storia Virtuale” ne è il sottotitolo.

 

 Sia la prefazione che i commenti contengono dure requisitorie

       contro il “pregiudizio storicista” che vieta ogni ipotesi storica

                 per attenersi strettamente ai fatti realmente accaduti,

         ed anche una strenua difesa del diritto alle ipotesi storiche

                                                    e della loro utilità.

 

 Il contenuto del libro è costituito da racconti di Autori vari,

              e alcuni anche famosi, (Winston Churchill,

                                                   André Maurois,  J.K.Chesterton)

                                           su cosa sarebbe accaduto “se”.

 

                   Se Napoleone avesse vinto a Waterloo,

                   se in Spagna avessero vinto i mori,

                   se Luigi XVI non avesse licenziato Turgot,

                           o se non fosse stato fermato a Varennes, ecc. 

 

        Fin qui nulla da obiettare. Le ipotesi sono sempre divertenti.

 

E’ sempre interessante constatare

  quanto spesso la Storia giunga a dei bivi, a delle biforcazioni,

   e quanto tenui siano i motivi che le fanno prendere una strada

                                                                           anziché un’altra.

 

Ciò che rende i racconti assurdi (e noiosissimi !) è che gli autori

   si spingono fino a prevedere le conseguenze delle loro ipotesi

                                a distanza di decenni o addirittura di secoli.

 

  No.  Le Leggi del Caos non consentono di andare tanto oltre.

            Forse, nel caso di avvenimenti storici, qualche mese,

                                      al massimo qualche anno. Non di più.

 

In un periodo troppo lungo di tempo,
        altri fatti, altre armi, altre idee assolutamente imprevedibili

           possono portare la Storia
                  a prendere una strada completamente diversa
                           da quella immaginata e descritta.

 

 

 

 

Parte  Terza  

 

Logica  Simbolica  e  Logica  Diabolica.

 

      37. Volti simmetrici e asimmetrici                                                                            

      38. Simboli e cervelli                                                                       

      39. Simboli inequivocabili e Simboli ambigui                                  

      40. Cultura Classica e Cultura Scientifica                                   

      41.  Ali, zampe e cervelli                                                               

      42. Come hanno origine le grandi scoperte                                  

      43. Il mito del peccato originale                                                    

      44. Logica simbolica e logica diabolica                                        

     45. Potenza dei simboli                                                                  

     46. Quei ridicoli grembiulini                                                             

     47. Tò, chi si rivede: la Filosofia                                                   

     48. Consulenza filosofica e Massoneria                                        

     49. L’antica questione del libero arbitrio                                       

     50. Influenze esterne ?                                                              

     51. Progresso morale o progresso tecnologico ?                        

     52. Ottimista per caso                                                               

 

 

 

37. Volti  simmetrici  e  asimmetrici.

 

   Tra gli animali non ci sono mancini.

             Anche gli scimpanzé,

                 che pure hanno con l’ uomo il 98-99% di geni in comune,

                        usano indifferentemente la mano destra o la sinistra,

                         anche quando devono compiere esercizi complicati.

 

   Sembra che sia una caratteristica prettamente umana

           quella di affidare alla mano destra

                                                      (comandata dal cervello sinistro)

                i lavori che richiedono appunto “destrezza”.

 

E’ molto probabile che,  insieme al destrismo-mancinismo manuale,

        si sia formato anche il destrismo-mancinismo cognitivo,

                 ovvero la suddivisione dei compiti

                                    tra cervello Destro e cervello Sinistro.

 

   Questo è ciò che, probabilmente, ha portato a quelle leggere,

                    ma universali, piccole asimmetrie del volto umano.  

 

                   

 

   Quelle asimmetrie che, se non sono eccessive,

                   rendono il volto più piacevole, appunto perché più umano.

 

Un volto troppo simmetrico può risultare stucchevole.

 

       Perché, se no, la stragrande maggioranza delle persone

                       si sceglierebbe una pettinatura asimmetrica ?

 

                     

Nella pittura bizantina

         e per tutta la prima metà del Rinascimento,

                                               la perfetta simmetria del volto

                     era un attributo riservato soltanto alla Divinità.

 

Fu Donatello, pittore fiorentino (1386 – 1466), che, per primo,

   in un impeto di realismo, osò dipingere un Cristo crocifisso

  con un volto asimmetrico per meglio esprimerne la sofferenza.

 

Questo segnò una svolta importante nella storia dell’arte,

    tuttavia in un primo momento, suscitò l’indignazione stupita

     del suo collega ed amico Filippo Brunelleschi (1377 – 1446)

            che lo rimproverò aspramente con queste parole:

 

     “Cosa hai fatto, disgraziato !?

                 Hai messo in croce non un Dio, ma un contadino !”

 

Una cosa è certa: siamo tutti, chi più chi meno, asimmetrici

            e abbiamo tutti delegato

          alcune funzioni cognitive alla parte Destra del cervello

                                               ed altre alla parte Sinistra.  

 

 

38. Simboli  e  Cervelli.

   

   E’ stato un neurologo, il premio Nobel R.W.Sperry,

     a riconoscere per primo, già nello scorso secolo XX,

                           che le due metà del cervello umano

                                      hanno funzioni conoscitive differenti.

 

   La metà Destra (quella che fa muovere il lato Sinistro del corpo)         

        ha una naturale predisposizione a vedere le cose

                nel loro insieme (visione Olistica).

   La metà Sinistra (quella che fa muovere il lato Destro)

             è invece più predisposta ad afferrare i dettagli

                                                          (visione Riduzionistica).

 

     In alcuni individui predomina il cervello Sinistro,

                                         in altri quello Destro.

 

    Il cervello Destro predomina negli artisti

                                         (genio e sregolatezza !),

   quello Sinistro nei ragionieri, nei matematici, nei ricercatori

                               e nelle persone meticolose in generale.

 

    La scrittura giapponese è per metà simbolica (ideogrammi)

                                    e per metà fonetica.

  E’ stato osservato che, nei Giapponesi,

     il cervello Sinistro afferra più facilmente i caratteri fonetici

  e il cervello Destro quelli simbolici.

 

         Naturalmente ci deve essere (e normalmente c’è)

                   una interconnessione,

                   una integrazione  tra le due metà del cervello.

 

     Quanto più sviluppata è questa integrazione,

                                           tanto migliori saranno i risultati.

    

      Purtroppo la entità di questa integrazione

                                                         (il cosiddetto corpo calloso)

       sembra sia alquanto variabile tra un individuo e l’ altro.

      Negli individui geniali è molto sviluppata,

                      nella maggior parte degli altri, purtroppo, no.  

 

 

Nei templi massonici   la simbologia è molto ricca.

      L’ origine di alcuni di questi simboli si perde

                     nella notte dei tempi,  altri sono di netta derivazione                   

                                                       astrologica e alchemica.

 

Anche l’ alchimia ha sempre fatto largo uso di simboli,

            giustificandoli con la necessità

       di non rivelare segreti potenzialmente pericolosi

          a chi avrebbe potuto farne un uso non corretto.

 

 I simboli avrebbero potuto parlare

                                          solo a chi poteva comprenderli

 o a chi, oralmente e quindi direttamente, era stato “iniziato”.

 

   Ancora oggi vi sono, tra i Massoni,

    alcuni che comprendono agevolmente il linguaggio simbolico,

                                                                                      altri no.

Altri ancora si sforzano a tal punto che riescono a trovare

         un significato simbolico anche là dove proprio non c’è.

 

     Alcuni simboli possono essere “spiegati”, ma non tutti.

 

Se qualcuno non comprende il linguaggio simbolico,

                     non vuol dire per questo che sia uno stupido.

 

Probabilmente ha soltanto il cervello Destro meno efficiente

                                           o forse soltanto meno esercitato.

 

La riflessione sui simboli può costituire un ottimo esercizio mentale.  

 

 

 

39. Simboli  inequivocabili  e  simboli  ambigui.

 

     Ci sono due generi di simboli :
               quelli che parlano al cervello Sinistro (Logico)

            e quelli che parlano al cervello Destro (intuitivo, Analogico).

 

     I primi hanno un significato univoco, sono inequivocabili, e sono

                    i simboli matematici:  + significherà sempre più (positivo),

                                                       - significherà sempre meno (negativo);

             i simboli stradali (frecce, divieti, ecc.) e quelli impressi sulle merci.

 

        Questi simboli logici sono fatti appunto per risparmiare tempo.

      Quando si viaggia a 130 all’ora non si ha tempo né per leggere,

                                                                                    né per riflettere.

                      Questi simboli logici si chiamano anche “segni” e “segnali”.

 

     Anche certi simboli usati nei computer e nelle merci

                       hanno carattere univoco

                                   e servono a superare la barriera delle diverse lingue.

 

      Per secoli e secoli in Occidente

                              la scrittura fonetica ha prevalso su quella ideografica.

 

     Solo recentemente sono comparsi i nuovi ideogrammi,

                                                       che infatti non da tutti sono compresi.

 

      I simboli destinati al cervello Destro (intuitivo,analogico)

                                                                       sono invece molto diversi.

     Servono soprattutto ad esprimere quelle idee complesse,

                                                   a volte anche contraddittorie,

        che è difficile o impossibile esprimere con concetti logici

                e quindi con parole,

                e che,  proprio per questo vengono definiti “ineffabili”

                                    (ineffabile significa appunto inesprimibile).

     Servono anche ad esprimere idee cariche di contenuto emotivo.

      Tra questi stanno, in primo luogo, i simboli religiosi
         (rosoni, mandala, labirinti, sephiroth, croci, menhir, triskell, ecc.)
                                                       e quelli astrologici
.

 

Quelli della seconda categoria sono tutti

         simboli soggettivi, che dicono e non dicono.

 

       Moltissimi artisti figurativi (pittori e scultori)
           hanno fatto largo uso di simboli

                                             di questo genere.  

 

            La pittura di Leonardo ne è piena.

 

Secondo Benedetto Croce (nemico della Massoneria e della logica)

           l’ambiguità sarebbe proprio la caratteristica della vera Arte.

 

Anche le antiche cattedrali gotiche sono ricchissime di simboli.

 

Molte statue vi sarebbero state scolpite proprio per comunicare

                      (solo a chi fosse stato in grado di comprendere)

quelle idee giudicate eretiche perché in contrasto

                                                 con la cultura dominante.

 

Secondo alcuni starebbe proprio qui

           l’origine del nome dei Liberi Muratori e della loro segretezza.

 

Le pietre con cui venivano costruite le cattedrali potevano risultare,

      all’ occhio esperto del Maestro architetto e capo cantiere,

                                                                   più o meno dure.

 

Se non erano abbastanza dure e resistenti,

 non potevano essere inglobate nella costruzione,

            a rischio di comprometterne la stabilità.

 

Venivano perciò lasciate libere ( free stone)

               e usate per farne sculture.

         Sculture che avrebbero trasmesso,

              attraverso il linguaggio dei simboli,

                idee non proprio ortodosse.

E chi avrebbe potuto scolpire quelle pietre libere

 per ricavarne quel genere di statue o di bassorilievi ?

Ovviamente qualcuno che “sapeva”  ma che non voleva scoprirsi,

               i free stone masons, o semplicemente  Free Masons,

                    Liberi Muratori, i predecessori dei famigerati Framassoni.

 

A metà strada stanno i simboli alchemici.

 

      Questi dovrebbero essere univoci

           e vengono usati soprattutto per nascondere,

                           per occultare quei concetti e quelle pratiche

                                                    che potrebbero risultare pericolose

    se fossero accessibili anche a persone indegne,

                                                               a non iniziati,  ai profani.

 

 

 

40. Cultura  Classica  e  Cultura  Scientifica

 

Nessuno, ma proprio nessuno, ammetterebbe pubblicamente,

           e quasi con un pizzico di orgoglio,

                            di non sapere nulla di Dante o di Shakespeare.

 

Sono invece moltissimi, specialmente in Italia,

                                  coloro che dichiarano sorridendo,  

                                 di non aver mai capito nulla di matematica.

 

Proprio in questo consiste la divisione e lo stupido contrasto

                 tra le due Culture, quella Classica e quella Scientifica.

 

La Cultura Classica guarda soprattutto al passato,

                               studia ciò che hanno lasciato scritto gli Autori

       detti appunto Classici, studia le lingue morte, latino e greco. 

              La cultura Classica è basata sul Tempo,

                                        sui racconti di un tempo vissuto.

 

La Cultura Scientifica ha come ideale

              la creazione di schemi senza Tempo, assoluti.

 

    Se cala nel tempo, guarda piuttosto al futuro;

  non studia tanto le scoperte scientifiche, quanto soprattutto

              il linguaggio che ne sta alla base:  la matematica.

 

Con la matematica non si può improvvisare.

                                          Due più due fa quattro e basta.

 

Lo studio della matematica richiede concentrazione e fatica.

 

Per questo la matematica è poco amata,

    per questo viviamo in un mondo di analfabetismo scientifico,

      in cui la Scienza tanto più è rispettata quanto meno è capita.

 

Ovviamente non si può vivere di soli numeri,

                                         di sola logica, di solo cervello Sinistro.

 

Lo studio del latino ha questo di buono:

         che allena contemporaneamente le due metà del cervello.

 

Per capire il significato di una frase latina occorre, sì, l’intuizione,   

    ma questa da sola non basta e potrebbe indurre in errore.